Australia, morto Philip Hughes, battitore di cricket colpito alla testa durante una partita

Pubblicato il autore: Alice Smiroldo Segui

philip hughes

È morto Philip Hughes, 25enne promessa del cricket australiano, con passaporto italiano per via della mamma. Il giovane, durante il match di martedì tra New South Wales e South Australia a Sidney, era stato colpito da una pallina nella zona sottostante l’orecchio.

Secondo le regole dello sport, in battuta non si indossa l’elmetto completo, ma solo una sorta di casco che protegge parzialmente la testa. La pallina è andata a sbattere violentemente proprio contro una delle parti non riparate dal copricapo.

Le telecamere hanno mostrato la scena tra lo stupore e l’orrore degli spettatori presenti: Hughes, una volta raggiunto dalla palla, è rimasto per alcuni secondi immobile, per poi accasciarsi a terra.

potrebbe interessarti ancheCalcio 5 Serie C2 Sicilia, Futsal Canicattì 5 è storia: arriva la promozione in C1

Immediati i soccorsi dello staff medico a bord campo, ma già da un primissimo sguardo la situazione era apparsa gravissima.

Trasportato subito in ospedale, il campione italo-australiano non ha mai ripreso conoscienza. Era stato operato per ridurre la pressione cerebrale e indotto in un coma farmacologico nella speranza di salvarlo. Philip ha lottato ben due giorni, prima di arrendersi.

Uno dei suoi sogni più grandi era quello di terminare la sua carriera con la maglia della Nazionale Italiana di cricket, ma non ha fatto in tempo a raggiungere questo obiettivo.

La famiglia, distrutta, non ha rilasciato dichiarazioni, così come il 22enne Abbott, suo grande amico e colui che ha lanciato quella pallina, uno dei primi a raggiungere l’ospedale e salutarlo per l’ultima volta.

potrebbe interessarti ancheBaseball MLB: la crisi dei campioni in carica dei Boston Red Sox

Dopo la triste notizia il Primo Ministro australiano Tony Abbott ha voluto registrare un messaggio di cordoglio e vicinanza alla famiglia del giocatore, da lui definito una giovane promessa e una persona modello.

Non ci si dà mai pace, quando a morire sono dei ragazzi, ma in questo caso rimane anche l’incredulità e l’amarezza per un incidente del tutto inspiegabile e incredibilmente sfortunato.

 

notizie sul temaMotoestate supermono, Gp di Franciacorta: Ambrosi tra inesperienza e peccato di gola. Fabio Ferri trionfa al fotofinishCalcio a 5 Serie C2, Giardina “regista” del sorpasso:Futsal Canicattì ad un passo dalla C1Pallanuoto, sorteggio Mondiali: Italia insieme a Brasile, Giappone e Germania
  •   
  •  
  •  
  •