Wrestling, Batista contro la WWE: “Mi manca il wrestling, ma non mi manca la WWE”

Pubblicato il autore: Concetta Manuppelli

Tra l’ex WWE Superstar The Animal Dave Batista, che ha ormai lasciato la compagnia di wrestling americano dal lontano 2014, e la stessa Federazione di Stamford non corre, di certo, buon sangue e continuano ad esserci vecchi rancori per vicende del passato non ancora chiarite.

Di recente, The Animal durante l’intervista rilasciata nel corso del podcast Talk Is Jericho della WWE Superstar Chris Jericho ha deciso di sfogarsi e di togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa.
Durante il podcast di Jericho, Batista ha dichiarato con estrema franchezza: “Mi manca molto (in riferimento alla disciplina del wrestling), non c’è niente come il wrestling, lo sai bene. C’è quella scarica di adrenalina che nient’altro può darti. Quello che, però, non mi manca è la società e certamente non rimpiango i conflitti che negli ultimi tempi avevo avuto con la dirigenza.” Sempre in riferimento ai rapporti con la dirigenza WWE, nel corso del podcast Talk Is Jericho ha anche detto: “Gli ho spiegato (in riferimento ai dirigenti) cosa vorrei per tornare, ne ho parlato ad Hunter (Triple H), ne ho parlato a Vince (McMahon). Gli ho detto che tornerei soltanto per una rivalità con Triple H. Questa è l’unica cosa che sarei interessato a fare, ma a loro (riferito sempre alla dirigenza WWE) non interessa farlo al momento. L’ho proposto diverse volte alla WWE, ma mi è stato sempre detto di no. E ora mi sono stufato di continuare a chiedere sempre la stessa cosa. Inizio ad avere una certa età, sarà sempre più difficile combattere a certi livelli. E nel contempo, i miei impegni cinematografici aumentano sempre di più.”

Con queste dichiarazioni rilasciate nel podcast di Jericho, Batista ha lasciato intendere chiaramente che, nonostante abbia chiesto più volte ai dirigenti WWE di tornare per un solo ed ultimo match contro Triple H, la Federazione di Stamford per ora non si è mostrata per niente disponibile ad accogliere la richiesta avanzata, rimandando la decisione a data da destinarsi. Un possibile addio che tuttavia non potrebbe coincidere con gli altri impegni del lottatore. Non a caso lo stesso The Animal ha lasciato anche trasparire il fatto che, a suo parere, l’avanzare dell’età rende sicuramente complicata la carriera di un lottatore ed, allo stesso tempo, ha ammesso che i suoi impegni attuali nel mondo del cinema d’azione renderebbero estremamente complicato conciliare la carriera da lottatore con la carriera cinematografica.

The Animal, infine, sempre nel corso del podcast Talk Is Jericho ha anche ammesso che, nonostante la rabbia nei confronti della WWE, continua, comunque sempre a seguire ancora le vicende che accadono sul ring della federazione americana di wrestling. A tale proposito, ha, infatti, dichiarato: “Il lottatore dell’attuale roster che più mi piace è Bray Wyatt, sono un suo grande fan. Mi dispiace poi vedere il ruolo a cui è costretto Titus O’Neil, sono sempre più convinto che se ne sarebbe dovuto andare, dopo essere stato sospeso per aver stretto troppo vigorosamente il braccio di  Vince McMahon, quando si è ritirato Daniel Bryan. L’ho già detto e non smetterò mai di dirlo.”

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: