WWE: -10 a Summerslam. Titoli mondiali in pericolo?

Pubblicato il autore: Mario Grasso


Siamo sempre più vicini a Summerslam, uno dei quattro grandi eventi del wrestling targato WWE e mai come in questa edizione si ha la sensazione che i titoli mondiali cambieranno proprietario.

Sia Brock Lesnar per il WWE Universal Championship che Jinder Mahal per il WWE Championship non sembrano così al sicuro. Le minacce ai loro scettri sono davvero serie.

Prendiamo in considerazione prima il WWE Championship, quello storico della compagnia, esclusiva del roster di SmackDown. Jinder Mahal dopo aver battagliato praticamente solo con Randy Orton, avendo sempre la meglio e difendendo a sorpresa il suo alloro, tra le tante polemiche, ora sfida nientemeno che Shinsuke Nakamura. Il giapponese, che ha dominato la scena in NJPW e che ha ben figurato a NXT, si presenta all’incontro da imbattuto nei match uno contro uno. Dolph Ziggler, Kevin Owens, Baron Corbin (sia per squalifica sia pulito) e infine John Cena. Tutti hanno ceduto al King of Strong Style, che ha perso solo in match di coppia o con più atleti coinvolti. L’impresa di Jinder Mahal sembra ardua e lo è ancor più se si considera che il suo regno inizia a stancare. Dopo un buon inizio ormai non tira più e le sue abilità alquanto scarne sul ring non aiutano certamente. Sembra giunta davvero l’ora di cedere lo scettro. Ma attenzione. C’è un certo Baron Corbin che fino a meno di un mese fa era in faida con Shinsuke e che possiede il Money in the Bank. Se incassasse proprio a Summerslam e proprio dopo una vittoria di Nakamura? Può succedere, ma molti ritengono che sia un rischio perché forse Baron non è pronto. In più sarebbe assurdo far vincere il primo titolo WWE a Nakamura per farglielo perdere subito. La variabile Corbin è, dunque, da valutare, ma la vittoria del giapponese sembra più che probabile.

Potrebbe cambiare anche il proprietario del WWE Universal Championship in quello che si preannuncia come un main event da paura. Fatal Four Way match: il campione Brock Lesnar sfida tutti in una volta Roman Reigns, Braun Strowman e Samoa Joe. Colui che ha ‘ritirato’ The Undertaker a Wrestlemania, il gigante che distrugge tutto e il samoano che un mese fa ha messo in nettissima difficoltà The Beast a Great Balls of Fire. Quattro pesi massimi e tutti potrebbero avere la meglio, ma dei quattro è Lesnar quello che rischia di più. Per la stipulazione: perde match e titolo anche se non viene schienato. Per le voci che parlano di un nuovo impegno in UFC, nonostante un contratto con la WWE fino a Wrestlemania e la sua presenza annunciata anche in alcune prossime date. E chi potrebbe sostituirlo? Qui il vero problema. Roman Reigns dopo aver fatto fuori nientemeno che The Undertaker a Wrestlemania è rimasto sì nel giro titolato, ma le sue vittorie nei ppv sono sempre meno frequenti; un altro ko lo ridimensionerebbe, mentre una vittoria lo lancerebbe ancora una volta; delle due la soluzione di mezzo sembra la più diplomatica, ossia perdere senza essere il designato al pin decisivo. Braun Strowman è lanciatissimo: sta dominando il feud con Reigns e sembra incontrastabile, oltre che è un gigante diverso dai classici perché si muove abbastanza bene e ha un discreto background. Un titolo al Monster Among Men sarebbe il giusto coronamento. Infine Samoa Joe, dal nulla pushato ma che ha fallito pur non sfigurando nell’assalto al titolo a Great Balls of Fire. E’ lanciato, ma dinanzi a sé ha ben tre big e un mese fa ha perso subendo una sola F5. La stessa WWE sembra che sia ancora indecisa sulla scelta del vincitore. Segnale che si sta facendo un buonissimo lavoro con tutti e quattro i contendenti e che nessuno merita di perdere.

Strada segnata per i principali titoli, dunque. O forse no. La WWE negli ultimi tempi ci sta abituando alle sorprese e ai colpi di scena. E chissà che anche dopo la grande notte di Brooklyn non siano ancora Brock Lesnar e Jinder Mahal, o almeno uno dei due, a uscire ancora con la rispettiva cintura in vita?

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: