Boxe, occasione Mondiale per Emanuele Blandamura

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

boxe

Secondo quanto riportato dal sito dell’ Ansa, Emanuele Blandamura, 38enne pugile friulano, avrà l’occasione il 15 di Aprile di sfidare il campione del mondo dei pesi medi Wba Ryota Murata alla Yokohama Arena (circa 17.000 posti), in Giappone.

Secondo quanto riportato da Sportfair, Salvatore Cherchi, presidente della Opi Since 82,  ha affermato: “Mio figlio Christian ed Emanuele hanno partecipato alla conferenza stampa in Giappone ed è stato un grande evento come lo sarà la manifestazione del 15 aprile. Ryota Murata è popolarissimo e sicuramente l’Arena di Yokohama sarà esaurita. L’organizzatore è Akiko Honda, che ha gestito i migliori pugili giapponesi degli ultimi anni ed anche Edwin Valero, Jorge Linares e Roman Gonzalez. Nel 2009 Honda è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame che ha sede a Canastota vicino New York. Ryota Murata è un ottimo pugile, cha ha vinto la medaglia d’oro nella categoria dei pesi medi alle Olimpiadi del 2012 ed ha bruciato le tappe da professionista diventando campione del mondo al quattordicesimo combattimento. E’ un pugile completo, ma sono sicuro che Emanuele si farà valere. Noi andiamo a Yokohama per vincere.”

Ryota Murata è un pugile giapponese nato nel 1986 appartenente alla categoria dei pesi medi. Il discepolo di Maekawa Takemoto vanta di un ottimo palmares composto da un oro conquistato agli Olimpiadi di Londra del 2012, un argento a Baku 2011 e un bronzo ai campionati asiatici di pugilato a Ho Chi Minh nel 2005. Da quando è diventato un professionista ha sin da subito bruciato le tappe diventando campione del mondo al 14/o combattimento, quello dello scorso 22 ottobre quando ha costretto all’abbandono alla settima ripresa del franco-camerunense Hassan N’Dam N’Jikam. Il suo record da pro è di 13 vittorie e una sconfitta.

Per quanto riguarda il pugile friulano Emanuele Blandamura (alto 178 cm, peso 73 kg), dopo aver ottenuto degli ottimi risultati a livello dilettantistico (diventando vice campione d’Italia) , è passato al professionismo nel 2007. Egli ha sostenuto 29 incontri con un score di 27 vittorie (5 prima del limite) e 2 sconfitte. Uno dei suoi risultati sportivi maggiori l’ha ottenuto il 16 giugno a Fregene, nel sottoclou del mondiale WBC Silver fra Domenico Spada e Mariuzs Cendrowski ha battuto per Kot al 10º round l’imbattuto pugile livornese Luca Tassi diventando Campione Internazionale WBC Silver dei Pesi medi. Inoltre Emanuele Blandamura non ha mai avuto problemi a combattere all’estero, a casa del suo avversario come nel 2014 quando Emanuele ha conquistato il titolo dell’Unione Europea dei pesi medi contro Marcos Nader a Stoccarda (Germania) o subito dopo, quando il friulano ha sfidato il campione europeo Billy Joe Saunders, a Manchester (Inghilterra) che vinse per ko all’ottavo round. In seguito, Billy Joe Saunders è diventato campione del mondo dei pesi medi WBO (World Boxing Organization). Il 20 giugno 2015 Emanuele Blandamura ha combattuto al teatro Principe di Milano in una manifestazione organizzata dalla Principe Boxing Events di Alessandro Cherchi sfidando il francese Michel Soro per il vacante titolo europeo dei pesi medi, ma vinse Soro all’ottavo assalto. Insomma, le due sconfitte su ventinove incontri disputati subite da Blandamura, sono state sconfitte contro pugili di grande livello.

 

  •   
  •  
  •  
  •