Golf, la scalata di Woods dopo il rientro alle competizioni. Tiger non ci sarà all’RBC Heritage

Pubblicato il autore: Nicola Angeli Segui


Dall’inferno al paradiso. E’ la scalata che sta mettendo insieme uno dei più grandi golfisti di tutti i tempi che risponde al nome di Tiger Woods. Sì proprio lui che ha fatto innamorare con le sue traiettorie mirabolanti e sempre al limite generazioni di ragazzini sembra aver messo finalmente da parte i problemi personali e fisici accusati negli ultimi anni per dedicarsi di nuovo al golf. E i numeri infatti non mentono. Nonostante Woods non prenda parte al torneo che scatta oggi, l’RBC Heritage in South Carolina, dopo aver concluso il Major di Augusta, che ha assegnato la “Giacca Verde” a Patrick Reed, al 32° posto, è riuscito a raggiungere l’88a posizione world ranking. Può sembrare una cosa banale per un talento dalla classe cristallina come Woods ma di certo non lo è visto che nel novembre scorso partiva dalla casella 1199. Da allora un crescendo per la “Tigre”, questo il suo soprannome, che a dicembre 2017 al ritorno alle competizioni era già numero 668 dopo aver preso parte all’Hero World Challenge. Una scalata che non conosce soste, ma che si stopperà questo weekend di gare perché Woods ha scelto di non partecipare al torneo in South Carolina, dove invece sarà presente il nostro portacolori Francesco Molinari.

potrebbe interessarti ancheGolf, Rickie Fowler vince l’Hero World Challenge, Tiger Woods chiude bene dopo l’infortunio

Il golfista piemontese viene da un ottimo 20esimo posto che è andato a occupare al termine del Masters appena concluso e quindi rilancia le sue velleità di andare a sedersi su uno dei posti di onore dell’RBC Heritage che si disputa sul tracciato dell’Harbour Town GL a Hilton Head. E Molinari ai microfoni di Sky Sport, che trasmetterà in diretta il torneo a partire da questa sera e fino a domenica su Sky Sport 2 Hd dalle 21.00, non ha certo nascosto le sue velleità: “E’ stata una settimana positiva – ha commentato il torinese -. L’ultimo giro il più difficile, specialmente ad inizio gara quando non avevo buone sensazioni sul gioco lungo. Sono riuscito però a mantenere la calma trovando sensazioni migliori che mi hanno aiutato ad ottenere un buon 20° posto. Ho mancato di poco il miglior risultato in carriera ad Augusta, che rimane il 19° posto del 2012. Ho qualche rimpianto ma guardo già ai prossimi impegni a partire dal torneo che sta per prendere il via questa settimana”.

potrebbe interessarti ancheLindsey Vonn hackerata, online foto private e intime con Tiger Woods

Molinari però nonostante non abbia Woods tra i cuoi più acerrimi rivali, dovrà superare un field di tutto rispetto per poter avvicinarsi al trionfo. Tra i più accreditati c’è sicuramente il numero uno mondiale Dustin Johnson, ma non possiamo di certo dimenticare Matt Kuchar, Zach Johnson, Bryson DeChambeau, Jim Furyk, gli inglesi Matthew Fitzpatrick, Paul Casey, Ian PoulterTyrrell Hatton. Difenderà invece il titolo conquistato lo scorso anno Wesley Bryan che è però reduce da ben quattro tagli consecutivi.

notizie sul temaRientro Tiger WoodsTiger Woods torna in campo tra luci e ombreRientro Tiger WoodsRientro Tiger Woods: il campione americano ritorna dopo 16 mesiIl ritorno di Tiger Woods sui campi da golf
  •   
  •  
  •  
  •