Il 2018 sarà l’anno degli esport, cosa ci aspetta per il futuro?

Pubblicato il autore: Eugenio Fofi Segui

Il mondo degli esport non è mai stato così attivo. “Il 2018 sarà l’anno degli esport” e così è. Basti pensare al fatto che soltanto in questo fine settimana si svolgeranno competizioni mondiali: Mid Season Invitational, torneo internazionale d’intermezzo di una stagione di League of Legends; e Gwent Open #5, torneo di qualifica per il mondiale di Gwent the Witcher Card Game.
Senza considerare che l’NBA 2K League è entrata nel vivo dell’azione, con la seconda settimana di stagione regolare (sempre questo fine settimana). In conclusione, si aggiungono anche le qualificazioni della F1 esport e di FIFA 18, che prevede l’inizio della competizione in autunno, parallelamente alla stagione tradizionale.

potrebbe interessarti ancheGinnastica artistica: l’Italia alle qualificazioni per gli YOG 2018

Differenze nel mondo degli esport

Ovviamente ci sono differenze nel mondo degli esport, in particolar modo tra esport di sport tradizionali (FIFA, NBA 2K League, ecc) e esport “classici” (League of Legends, Overwatch, ecc).
I secondi si basano su una grande quantità di giocatori attivi, per ogni titolo, e su una struttura competitiva già collaudata negli anni; mentre i primi puntano il loro valore di crescita sulla popolarità dello sport che rappresentano e grazie a questo a facili collaborazioni e contratti di sponsorizzazione.

Cosa ci aspetta nel prossimo futuro?

Non è semplice fare delle previsioni per il futuro, qualsiasi sia l’argomento trattato, ma in questo caso basta osservare i vari progetti dei singoli titoli. Ogni esport di sport tradizionale sta cercando una via d’intrattenimento parallelo alla sua controparte sportiva traizionale e di strutturare il competitivo proprio come lo sport, cosicchè risultino estremamente semplici da seguire dai non avvezzi. Mentre gli esport “classici” stanno cercando di perfezionare il loro competitivo con vere e proprie strutture dove far giocare i professionisti e contratti di collaborazione.
Non sono previsti conflitti tra le due realtà esportive, ogni esport percorrà la sua strada, proprio come nel mondo degli sport tradizionali.

potrebbe interessarti ancheCalcio a 5 femminile Marche – sfida per la supercoppa

E le Olimpiadi?

Forse qualcuno si ricorderà dell’accesa discussione che si è svolta alla fine del 2017, quando il Comitato Internazionale Olimpico ha aperto al competitivo videoludico la possibilità di essere accettati sia come sport, che come competizione per le olimpiadi. Non è da escludersi questo aspetto per il futuro degli esport, ma è più probabile che questo intrattenimento viaggi su una competizione olimpica differente dalla quella standard. Proprio come le olimpiadi invernali e le para-olimpiadi, se dovesse partire un progetto olimpico per gli esport è più probabile che sia su un proprio binario, oltre che necessiti di una più comprensibile regolamentazione.

notizie sul temaTyson Fury is back! Il 9 Giugno il ritorno sul ringFreccette, anche l’Italia alla PDC World Cup of Darts 2018: squadre, partite, diretta TV e streamingChallenge Venice triathlon, a Venezia è sfida fra uomini e donne d’acciaio
  •   
  •  
  •  
  •