Olimpiadi 2026, Graz si chiama fuori: un assist per l’Italia?

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui
BAD KLEINKIRCHHEIM, AUSTRIA - JANUARY 14: Sofia Goggia of Italy competes during the Audi FIS Alpine Ski World Cup Women's Downhill on January 14, 2018 in Bad Kleinkirchheim, Austria. (Photo by Christophe Pallot/Agence Zoom/Getty Images)

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Dopo che un mese fa la svizzera Sion si era ritirata dalla corsa per ospitare le Olimpiadi invernali del 2026 in seguito alla vittoria del “no” al referendum tenutosi nel Canton Vallese, ora è arrivato un altro ritiro eccellente: a chiamarsi fuori dalla corsa è infatti l’austriaca Graz. L’annuncio è arrivato tramite un comunicato del Comitato olimpico austriaco (ÖOC) nel quale è stato specificato che alla base di tale decisione c’è il mancato appoggio al progetto da parte del governo della Stiria, la regione (Land) di cui Graz è capitale.
“A causa delle attuali discussioni politiche – si legge nella nota – l’ÖOC prende atto con estremo dispiacere che un impegno politico chiaro o un sostegno da parte del governo della Stiria, ritenuto dall’ÖOC fin dall’inizio essere obbligatorio, finora non c’è mai stato. In queste circostanze un progetto di tale portata non è fattibile e difficilmente accettabile a livello internazionale. I colloqui di lavoro in corso sono pertanto terminati, in modo tale da non sostenere ulteriori costi”.

potrebbe interessarti ancheFrancesco Molinari vince l’ Open Championship 2018 di Golf. La classifica finale, che trionfo per l’azzurro

L’Austria esce così di scena per la seconda volta dopo aver visto sfumare lo scorso anno anche la candidatura in Innsbruck.
“Ci dispiace che i nostri atleti e appassionati di sport invernali non possano vivere un’opportunità unica come i Giochi olimpici casalinghi”, ha commentato con amarezza il presidente dell’ÖOC Karl Stoss.

potrebbe interessarti ancheUsain Bolt ci riprova, farà il calciatore in Australia

Un’avversaria in meno dunque per l’Italia, con il CONI che nei prossimi giorni dovrebbe annunciare ufficialmente la scelta di una tra Cortina d’Ampezzo, Milano e Torino. Le rivali della candidata italiana a questo punto saranno Stoccolma, Calgary, la turca Erzurum e Sapporo. Tuttavia, stando alle ultime indiscrezioni, la candidatura nipponica rischia di saltare visto che l’Asia ha già ospitato quest’inverno le Olimpiadi a Pyeongchang, ospiterà quelle del 2022 (Pechino), e senza contare che tra due anni i Giochi estivi si terranno proprio in Giappone, a Tokyo.

notizie sul temaOlimpiadi & Mondiali, gli atleti sono tutti sui giornali. Giallo e pettegolezzi, ripercorriamoli insiemeParigi chiama, Tokyo si allontana. “E io continuo a correre sembra essere il motto”. Ecco che gli atleti sognano la CapitaleUFC 226, la card più attesa che non vedremo in Italia, o quasi: si fa avanti Fight Network Italia (UPDATE)
  •   
  •  
  •  
  •