MMA, Conor McGregor sconfitto da Khabib, rivincita o fine della carriera per l’irlandese ?

Pubblicato il autore: Massimiliano Sacchetti Segui


Uno dei ritorni più a lungo annunciati della storia dello sport è stato quello Conor McGregor, superstar e campione di MMA (Ultimate Fighting Championship) che sabato 6 ottobre a Las Vegas è entrato nella gabbia per sfidare l’imbattibile Khabib Nurmagomedov (un record di 27 vittorie e 0 sconfitte),

McGregor ha perso, ma l’esito dell’incontro è passato in second’ordine visti i fatti che sono seguiti immediatamente dopo quattro riprese e la resa di McGregor per una neck crank, ovvero uno schiacciamento del collo.
Ma ecco che una volta dichiarato vincitore Khabib Nurmagomedov, il trentenne russo scavalca la rete per scagliarsi apparentemente contro qualcuno di imprecisato tra il pubblico ai bordi della gabbia.
Ma non solo, nel mentre un soggetto appartenente al clan di Nurmagomedov entra nella gabbia e aggredisce McGregor. A questo punto fioccheranno multe e squalifiche, ma soprattutto vi la quasi certa intenzione da parte della federazione di togliere il titolo a Khabib.
E McGregor? il trentenne, superstar del MMA non entrava nella gabbia da quasi due anni, novembre 2016 con un relativamente facile knockout ad Eddy Alvarez e non combatteva dall’agosto del 2017 quando è stato sconfitto da Floyd Mayweather.

L’incontro di sabato ha avuto atto nella stessa città e nello stesso impianto, il T-Mobile Arena, dell’incontro di box, doveva essere un grande rientro sulla scena dell’irlandese, ma la prestazione sportiva e l’esito dell’incontro sono state sopraffatte dal tanto imprevedibile quanto inqualificabile aggressione di Nurmagomedov e il suo clan.
Che le premesse non fossero delle migliori era nell’aria, infatti che tra i due non scorresse buon sangue era risaputo, nei giorni precedenti la sfida McGregor ha acceso le polveri e quando i due si sono incontrati al peso l’irlandese ha sferrato un calcio all’avversario, trattenuto subito dalle guardie di sicurezza per evitare il peggio, non si è risparmiato provocazioni e insulti, non stupisce che che entrambi si siano rifiutati di battere i guanti a inizio incontro.

potrebbe interessarti ancheOlimpiadi Invernali 2026: Calgary rinuncia, Milano-Cortina in vantaggio su Stoccolma

Detto questo veniamo all’incontro, la sfida tra il migliore arpionatore, il russo, e il migliore calciatore, l’irlandese, vede in Nurmagomedov il favorito, date le 26 vittorie consecutive da quando è entrato nel UFC nel 2012, mentre McGregor mancava due anni sull’ottagono. Gong!: McGregor parte fortissimo da subito, anche perché è consapevole che l’unico modo per sconfiggere il suo avversario, favorito da tutti i bookmakers, è quello di chiudere il combattimento il prima possibile con uno stoppage anche perché McGregor non ha mai tramortito un avversario in UFC dopo il secondo round. Nurmagomedov dall’altra parte preferisce essere paziente privilegiando un lavoro di soffocamento, mentre nel secondo round comanda l’incontro con una serie di forti colpi che mettono  l’irlandese a terra, schiacciato dal peso di Nurmagomedev.

Il russo domina anche il terzo round, mentre nel quarto entrambi gli sfidanti sembrano aspettare di assestare il colpo decisivo, il russo sferra un soffocamento che costringe McGregor a chiamare la resa.
Concluso l’incontro su Nurmagomedev sembra calare una rabbia cieca che avrà sicuramente gravi conseguenze sulla sua carriera. “The Notorius” paga la scelta di provare con la box e pone fine al suo regno nell’ MMA, perde il possesso contemporaneo di due titoli UFC ma riscuote il suo successo dal punto di vista dell’intrattenimento (discutibile, ma di successo) con un record stimato di 2 milioni di spettatori solo negli Stati Uniti. Di certo l’UFC a questo giro ha regalato un grande spettacolo, ma per il futuro potrà fare i conti senza McGregor? E se ci fosse la rivincita con Khabib ? Quest’ultima ipotesi non è affatto da scartare. L’irlandese non è certo tipo da arrendersi facilmente.

potrebbe interessarti ancheSupercoppa Volley femminile, Conegliano-Novara: un trofeo che vale tanto

 

 

notizie sul temaBeach volley: il cammino di qualificazione per le Olimpiadi di Tokio 2020MLB, i Boston Red Sox vincono le World Series: battuti i Los Angeles Dodgers in cinque garePallanuoto, Champions League: tutti i match della Pro Recco in esclusiva su Sky
  •   
  •  
  •  
  •