Baseball MLB: la crisi dei campioni in carica dei Boston Red Sox

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Sono passati poco meno di sei mesi quando i Boston Red Sox vincevano il campionato della MLB sconfiggendo nelle World Series i Los Angeles Dodgers in cinque incontri, ma di quella squadra sembra esserci solamente un vago ricordo, visto l’inizio molto negativo della stagione 2019.

potrebbe interessarti ancheMondiali pallanuoto, Italia-Giappone 9-7: gli azzurri soffrono ma alla fine vincono contro un avversario mai domo

Che qualcosa non funzionasse a dovere lo si era capito già nelle amichevoli di pre-season con nove vittorie a fronte di quattordici sconfitte di cui otto consecutive tra il 6 e il 15 marzo, che aveva fatto scattare un campanello d’allarme che poi si è confermato in questo inizio di regular season anche se va detto che il calendario iniziale della franchigia del Massachussets non è stato molto benevolo con i primi undici incontri giocati tutti in trasferta e per di più sulla costa occidentale che di certo non hanno aiutato gli uomini Alex Cora.

I Red Sox hanno cominciato la loro stagione prima sul campo dei Seattle Mariners, vincendo un incontro su quattro, per poi proseguire con lo stesso score contro gli Athletics ad Oakland, due sconfitte su tre ad Arizona contro i Diamondbacks, tornado dunque a casa con tre vittorie e otto sconfitte. Le cose sono leggermente migliorate a Fenway Park nel diamante di casa con una vittoria e una sconfitta contro i Toronto Blue Jays e due vittorie e due sconfitte contro i Baltimore Orioles, per poi perdere altri due match in trasferta contro gli acerrimi nemici dei New Jork Yankees bersagliati dagli infortuni (la prima addirittura per 8-0).

potrebbe interessarti ancheNuoto, Mondiali in Sud Corea.Batki e Paltrinieri qualificati per le Olimpiadi del prossimo anno.

Attualmente dopo 19 partite lo score recita 6-13 con il clamoroso ultimo posto nell’American League che di certo non si addice ad una squadra campione in carica considerando poi che nella East Division i Tampa Bay Rays che comandano la conference hanno un record di 14-5.

Una delle principali cause è la scarsa forma del lanciatore Chris Sale che quando ha giocato è sembrato la controfigura del giocatore della scorsa trionfale stagione; a Boston più di qualcuno si sta chiedendo se è valsa la pena fargli firmare un estensione di contratto di cinque anni a 145 milioni di dollari complessivi per un giocatore di 30 anni, visto anche i suoi problemi fisici che lo stanno attanagliando in queste prime settimane.
Anche l’altro lanciatore Rick Porcello sta deludendo le attese con prove negative e con pochi strike all’attivo, condito da una difesa che ha subito troppi punti per poter vincere le partite (l’anno scorso a fine regular season le vittorie erano state 108). La sfortuna vuole che tra oggi e domenica (in trasferta) e tra venerdì e domenica (in casa) della prossima settimana ci saranno ben sei match contro la miglior squadra attuale della Lega, ovvero i Tampa Bay Rays che potrebbero rilanciare le possibilità di rimonta in classifica o anche affossarle in maniera importante.

notizie sul temaMondiali pallanuoto, Italia-Brasile 14-5: esordio in scioltezza per il settebello azzurroWimbledon: Djokovic piega Federer al tiebreak e vince il torneoF1 GP Silverstone: Trionfa Hamilton, Vettel si scontra con Verstappen
  •   
  •  
  •  
  •