Mondiali di nuoto in Sud Corea:Paltrinieri e Occhipinti ci regalano un argento e un bronzo.Nei tuffi Chiara Pellacani sfiora il pass olimpico.

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Come da tradizione, l’Italia conquista altre 2 medaglie nel nuoto di fondo con la staffetta mista dei 5km composta da Paltrinieri, Acerenza, Rachele Bruni e Giulia Gabbrielleschi e stamane con Alessio Occhipinti nella 25km, che in 4ore 51min.09sec. si aggiudica il bronzo in condizioni meteo terribili.

Nella staffetta mista fatta di 4 prove da 1250mt, paghiamo la prova sottotono della Bruni, molto stanca e provata dalle fatiche precedenti e della Gabbrielleschi, che nonostante tutto, hanno limitato  i danni, permettendo, prima ad Acerenza e successivamente a Paltrinieri di recuperare tutto lo svantaggio accumulato ai cambi .
Botte da orbi nel tratto finale tra Greg ,il teutonico Muffels e lo statunitense Brinegar, a spuntarla é il volpone tedesco, che con tattica da sanguisuga durante l’ultima staffetta, affianca Gregorio Paltrinieri e gli si mette in scia e di fatto gli impedisce di accelerare e fare il vuoto e per soli due decimi, l’italia non vince l’oro. Nell’ultimo tratto il campione di Carpi recupera tutto lo svantaggio e nonostante il miglior parziale 12min.21sec, non riesce nell’impresa chiudendo in 53min.58sec.90mil. a soli 2 decimi dai tedeschi, che terminano la prova in 53.min.58sec.70mil.,e davanti agli Usa, che concludono in 53min.59sec.00.
A fine gara il fuoriclasse italiano dichiara che gli manca solo l’esperienza per gestire al meglio energie e tattiche di gara, per questo tipo di distanze, ricordandoci che il prossimo appuntamento lo vedrà impegnato in vasca corta sugli 800mt e nei 1500mt. e dopo un meritato riposo di pochi giorni(3 0 4), sarà pronto per le nuove battaglie, dove avrà avversari ancora più agguerriti e veloci.
Con questo quartetto non si può che ben sperare per le prossime olimpiadi e mondiali e se Bruni e la Gabbrielleschi si esprimeranno al massimo delle loro potenzialità sarà difficile batterci. Acerenza ormai è una certezza e Paltrinieri una garanzia in questa nuova dimensione.
Alessio Occhipinti ha vinto la medaglia di bronzo nella gara più dura e lunga dei mondiali la 25km, dove condizioni climatiche proibitive hanno reso la giornata ancora più ardua, nonostante le avversità l’italiano ha chiuso in 4ore e 51minuti 09sec.,mostrando una sicurezza da veterano,e fino a 400mt dall’arrivo era in testa .
L’oro è andato al francese Reymond in 4ore51min.06sec.2 decimi ,davanti al russo Belyaev, che termina in 4ore51min.06sec.6decimi.Quarto l’altro italiano Ruffini che giunge ad 8sec.e 7mil. dal vincitore ,consolidando cosi la scuola e la tradizione italica in questa stupenda  disciplina.

potrebbe interessarti ancheSci alpino femminile, Super G St. Moritz 2019: dove vedere la gara sabato 14 dicembre ore 10.30

Per quanto riguarda i tuffi la nostra piccola di età(16anni e 10mesi) ma grandissima atleta Chiara Pellacani,per tre- quinti di gara ci ha impressionato per qualità e sicurezza nell’esecuzione dei tuffi, peccato perché fino al terzo tuffo era in settima posizione, che significava pass olimpico anche per lei (vi accedono le prime 12),ma complice un calo di tensione e stanchezza per via di tutte le gare ravvicinate fatte in queste giornate, sbagliava l’esecuzione degli ultimi due tuffi ottenendo un punteggio troppo basso che gli precludeva la gioia olimpica, chiudendo con 275punti al 17mo. posto, quando almeno 315punti erano ampiamente alla sua portata, che le avrebbero dato un  5 posto per poi giocarsi tutto in finale.
Per la cronaca la semifinale è stata vinta dalla cinese Tingmao  ( 359.40 p.t.) sull’australiana Maddison ( 348.10 p.t.) e sull’altra cinese Han (345.80p.t.)
Questa esperienza le servirà per i prossimi appuntamenti perché come impegno e serietà non ha niente da invidiare alle sue colleghe più grandi e se non è arrivata ieri la qualifica per Tokyo 2020, siamo sicuri che arriverà alla prossima occasione.
Brava Chiara, continua così!

Nel nuoto sincronizzato le italiane si classificano quinte nei preliminari del libero combinato dove le 10 veneri azzurre(Callegari, Cerruti,Di Camillo,Galli,Piccoli,Cavanna ,Deidda,Ferro,Pezone e Sala)chiudono con 90,9 punti dietro al Giappone e al primo posto troviamo le russe con 96,5667punti.

potrebbe interessarti ancheUstica l’isola del baseball e del softball

Per la finale bisogna aspettare la giornata di sabato, dove le nostre atlete daranno fondo a tutte le energie rimaste, per un piazzamento decoroso e alla loro portata, ricordando a chi non lo sapesse, che sono pur sempre le vice campionesse europee.
Nel duo invece la Cerruti e la Ferro chiudono con un buon sesto posto in 91,0000punti con vittoria finale delle imbattibili russe(per ora)Kolesnichenko-Romashina 97,5000pt, che chiudono davanti le cinesi 95,7667pt. e le ucraine 94.1000.

 Notizia dell’ultima ora, nella gara odierna che metteva in palio il primo posto del girone D del Settebello, i ragazzi di Campagna hanno battuto con non poche difficoltà i tedeschi per 8 a 7, gara tiratissima e all’ultimo respiro, dove gli azzurri sono stati quasi sempre dietro, ma grazie ad una grande prova di carattere, sono riusciti a spuntarla per una rete a 3min .dalla fine di Bodegas, portandosi cosi a 6punti in tre gare e ad avere giorni in più di riposo per affrontare al meglio i quarti di finale del 22luglio contro la vincente dell’ottavo di finale tra Grecia e la seconda classificata  del girone B.

notizie sul temaEuropei di nuoto, l’Italia si congeda con 5 medaglie: 1 oro, 3 argenti e 1 bronzoEuronuoto: Glasgow consacra la Carraro nei 100 rana femminili, Pellegrini beffataNuoto:Europei di Glasgow in vasca corta.Le azzurre sono donne meravigliose, dalla Quadarella alla Pellegrini passando per la Pilato e la Carraro,finendo con la Caramignoli,senza dimenticare la Cusinato e tutte le altre,il futuro è assicurato.
  •   
  •  
  •  
  •