Domenica 8 aprile la Maratona di Roma

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

Domenica 8 aprile è in programma la Maratona di Roma, una delle più importanti maratone nel panorama internazionale, in quanto, oltre all’aspetto tecnico che ha sempre contrassegnato l’evento, location e percorso della gara rappresentano un momento suggestivo che poche altre città e maratone possono offrire.
La manifestazione, contrassegnata dallo sponsor principale Acea che affianca il nome Maratona di Roma, è giunta alla 24^ edizione e presenterà numeri di partecipazione sempre notevoli: sono oltre 14000 gli iscritti, con italiani e non italiani in numero quasi uguale (7670 e 6430) e con 150 nazioni rappresentate. Un numero di presenza che pone la maratona di Roma come di gran lunga la più partecipata in Italia (nel 2017 le 4 maratone italiane più partecipate, o meglio per numero di classificati, furono Roma con 13318, Firenze con 8438 e Venezia con 5908 e Milano con 5303; per la cronaca domenica 8 aprile si corre contemporaneamente anche la Milano marathon). Numeri comunque lontani da quelli di altre note maratone internazionali, con New York  che rimane la più partecipata con 50646 presenze nel 2017, seguita da Chicago e Parigi, ben oltre i 40000 e Londra e Berlino appena sotto.
Ma il fascino di un percorso come quello di Roma forse non ha eguali al mondo: partenza dai Fori Imperiali e percorso che tocca tanti punti importanti e caratteristici di Roma, con passaggio in Piazza San Pietro verso il 18° km e con molti tratti di Lungo Tevere, che viene attraversato 4 volte; il tratto finale, dopo il 40° km, in leggera salita lungo via del Corso fino a via Milano e poi la conclusione in leggera discesa da Largo Magnanapoli a Piazza Venezia  per un arrivo spint in via dei Fori Imperiali.
La partenza è prevista alle ore 8.40, con la prima tranche di atleti, seguiranno la seconda alle 8.45 e la terza alle 8.52. Il tempo limite per essere classificati è di arrivare al traguardo entro 7 ore e 30 minuti.
Molti gli atleti top presenti alla 24^ Acea Marathon, con la consueta sfida fra etiopi e keniani, quasi sempre vincitori nelle 23 precedenti edizioni della maratona e ormai consecutivamente dal 2006 fra gli uomini e dal 2009 fra le donne. Nell’albo d’oro della maratona romana ci sono però anche vincitori italiani e chiaramente spicca il successo di Stefano Baldini nel 1998, poi campione olimpico nel 2004 ad Atene. Dopo Baldini, altri 2 italiani sono risultati vincitori della gara maschile, nel 2004 Ruggero Pertile e nel 2005 Alberico Di Cecco, Più numerosi, ma anche questi ormai lontani nel tempo, i successi delle atlete italiane: nel 1998 fu proprio un’atleta romana vincitrice di questa maratona, Franca Fiacconi, seguita l’anno successivo da Maura Viceconte; ci furono poi 4 successi consecutivi dal 2001 al 2004 con Maria Guida, Maria Cocchetti, Gloria Marconi e Ornella Ferrara.
Lo scorso anno i vincitori furono l’etiope Shura Kitata Tola in 2.07.28 e la connazionale Rahma Tusa in 2.27.21, vincitrice anche nel 2016.
Per questa edizione i favoriti nella gara maschile potrebbero essere il keniano Jairus Birech e gli etiopi Dejene Debela e Birhanu Gedefa. Fra i 3 atleti citati è Dejene Debela ad avere il miglior tempo con 2.07.10 ottenuto a Eindhoven nel 2017, anche se altri 2 atleti vantano tempi in maratona ancora migliori, sia pure ottenuti diversi anni fa: 2.05.48 il keniano Jafred Chirchir Kipchumba nel 2011 e 2.05.49 l’etiope Birhanu Tefera Girma nel 2014.
Nella gara femminile è presente la vincitrice 2016-2017, l’etiope Rahma Tusa, che ha un personale di 2.25.12, realizzato il 10/12/17 a Guangzhou in Cina. Se la dovrà vedere, presumibilmente, con le keniane Sharon Jemutai Cherope (personale di 2.22.28 a Berlino nel 2013 e medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali a Daegu nel 2011) e Angela Tanui (personale di 2.26.31 a Vienna nel 2017).

potrebbe interessarti ancheMaratona New York 2018 in diretta sulla Rai il 4 novembre
potrebbe interessarti ancheAtletica, “We Run Rome” il 31 dicembre nella Capitale

notizie sul temaMilan, l’arrivo di Bolt una boutade. Il giamaicano ambito da un club malteseAtletica: domenica 30 settembre la Ferrara MarathonAtletica: la finale nazionale del C.d.S. Master. E’ iscritta anche Elisa Cusma
  •   
  •  
  •  
  •