Golden Gala Roma: Tortu ripaga le attese e avvicina il record di Mennea

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui


Nella notte romana del tradizionale appuntamento dell’atletica con il Golden Gala, il pubblico di Roma presente in buon numero allo Stadio olimpico, attendeva Filippo Tortu, nuova speranza azzurra dei 100m.

Tortu e Jacobs, altro alfiere azzurro, alla caccia del record di Pietro Mennea, lampo azzurro a cui è dedicato anche l’evento romano oltre allo stadio dei marmi. Entrambi reduci da un 10 e poco in quel di Savona. Tortu con 10.03 a due centesimi dal 10.01 di ormai vetusta memoria di Pietro Mennea. La gara in programma alle 21.35, momento clou della serata. All’annuncio dei nomi e soprattutto di Tortu grande fermento e applausi. Silenzio e via. Tortu non brillantissimo alla partenza ma si riprende in un ottimo lanciato e pur con vento contrario (-0.4) centra un 10.04 importantissimo.Ottimo terzo posto per l’atleta azzurro che è da considerarsi eccellente se si considera che conferma le ambizioni di un ragazzo in un contesto internazionale, gareggiando con atleti di grande spessore di fronte a una importante cornice di pubblico.

potrebbe interessarti ancheEuropei Atletica 2018 | Medagliere definitivo: Gran Bretagna al 1° posto, Italia giù

Il ragazzo non ha tremato, come in verità non fece lo scorso anno, ma quest’anno le attese erano altre e talvolta le aspettative pesano più della fatica stessa. Considerando le condizioni dell’ambiente, della serata e che siamo proprio all’inizio della stagione con l’obiettivo degli europei di Berlino, previsti in agosto, dieri che la strada è giusta. I record sono fatti per essere battuti. L’atletica italiana ha bisogno di sussulti e imprese. Speriamo sia Tortu uno degli artefici.

E che si senta la necessità di un campione nostrano, lo evidenzia il fatto che i 100 abbiano oscurato una manifestazione che è andata ad altissimi livelli in quasi tutte le gare, soprattutto nei salti. Nell’alto donne Mariya Lasitskene salta praticamente da sola fino a 2.02, in una serata non facile per tutte le altre, con una bravissima Elena Vallortigara che si conferma a 1.94. Brutta gara per Alssia Trost che non sale oltre 1,88.

potrebbe interessarti ancheEuropei atletica 2018: meno male che l’atletica italiana è multietnica

Nel salto con l’asta uomini, Sam Kendricks si emoziona ed emoziona con un 5.84 che gli permette di raggiungere Sergei Bubka tra i recordman sulla pista di Roma. Infine degna di nota la gara del lungo uomini. La spunta Luvo Manyonga, con il record del meeting a 5.58, e altri 6 atleti oltre gli 8 metri. Sotto una tribuna Tevere piena e partecipe.  Un bel meeting che come sempre riavvicina all’atletica, regina degli sport.

notizie sul temaEuropei atletica 2018: le dichiarazioni del D.T. LocatelliEuropei atletica. Sesto posto per l’Italia nella Placing TableRisultati Europei atletica: le gare di domenica sera 12 agosto. Gara di asta stellare.
  •   
  •  
  •  
  •