Atletica leggera: Edoardo Scotti a un passo dal podio nei 400 ai Mondiali di Tampere

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Un po’ tutti ci avevamo sperato in una medaglia, dopo le brillanti prove in qualificazione nei 400 metri ai Campionati Mondiali Under 20 a Tampere, ma per Edoardo Scotti è arrivato comunque un buonissimo 4° posto, migliore piazzamento sino ad ora per l’Italia in questa manifestazione.
Sia in batteria che in semifinale il belga Jonathan Sacoor si era rivelato come l’atleta da battere, ma forse nessuno pensava potesse attaccare nel giro di pista il muro dei 45 secondi. Oggi ci è mancato poco e il suo tempo di 45.03 ha significato un progresso di 69/100 dal suo precedente personale che aveva peraltro ottenuto ieri in semifinale.
Oggi sono venuti fuori anche i giamaicani Christopher Taylor e Chantz Sawyers, accreditati di ottime prestazioni, rispettivamente 44.88 e 45.40, ma un po’ in ombra o comunque prudenti nei 2 turni eliminatori. Taylor si è piazzato al 2° posto in 45.38, Sawyers 3° in 45.89.
La gara di Scotti già in partenza non è apparsa al meglio come nei turni eliminatori, anche se già in quelle occasioni si era scatenato soprattutto nella parte finale. Il recupero in effetti c’è stato anche questa volta e Scotti ha recuperato alcune posizioni, ma i primi 3 erano comunque lontani: il suo tempo è 46.20 ed è sempre un tempo notevolissimo, visto che ante Mondiali Scotti aveva un personale di 46.87 che risaliva allo scorso anno e nel 2018 aveva 47.06 come migliore prestazione.
Dopo Scotti, che rispetto ai primi 3 classificati e anche a quasi tutti gli altri finalisti, è nato nel 2000 e quindi sarà ancora juniores il prossimo anno (in cui si disputeranno i Campionati Europei), si sono classificati al 5° posto lo statunitense Howards Fields con 46.53, poi i canadesi al 6° e 7° posto Khamal Stewart-Baynes con 46.79 e Myles Misener-Dailey con 47.03  e all’8° posto Jonathan Jones delle Barbados in 48.01.
Oggi sono stati assegnati altri 6 titoli.
Nel martello uomini (6 kg) titolo mondiale per il britannico Jake Norris con 80,65; sul podio con Norris 2 atleti della Ucraina, di nome entrambi Mykhaylo e di cognome Kokhan 2° con 79,68 e Havryliuk con 77
Nel lungo femminile successo per la tedesca Lea-Jasmin Riecke con 6,51, poi la giapponese Ayaka Kora con 6,37 e la statunitense Tara Davis con 6,36.
Nei 400 hs femminili vittoria per la sudafricana Zeney Van der Walt con 55,34, argento per la giamaicana Shiann Salmon con 56.11 e bronzo per la svizzera Yasmin Giger con 56.98.
Nei 3000 siepi femminili dominio assoluto della keniana Celliphine Cheeptek Chespol con 9.12.88. Dopo un primo km tranquillo in 3.16.90 un gruppetto ha preso il largo, che si è poi ridotto a 3 unità. Negli ultimi giri la keniana ha accelerato e non c’è stata storia per la vittoria, con oltre 6 secondi di vantaggio sulla ugandese Peruth Chemutai con 9.18.87, che proprio sull’ultimo ostacolo ha recuperato la seconda posizione superando l’ex keniana, ora del Bahrein, Winfred Mutile Yavi, terza e sfinita che ha concluso al 3° posto in 9.23.47.
Nei 200 metri maschili doppietta degli atleti britannici: 1° posto per Jona Efoloko in 20.48; 2° Charles Dobson con 20.59 e 3° posto per lo statunitense Eric Harrison con il tempo di 20.79.
Assegnato anche il titolo nell’eptathlon in cui al termine delle 7 gare ha prevalso la britannica Niamh Emerson con 6253 punti, davanti all’austriaca Sarah Lagger con 6225 punti e alla polacca Adrianna Sulek con 5939 punti.

potrebbe interessarti ancheAtletica leggera: che risultati all’Herculis di Montecarlo
potrebbe interessarti ancheAtletica leggera: Ez Zahidy e Morlini sono i vincitori della 36^ Casaglia San Luca

notizie sul temaAtletica leggera: anche 3 juniores fra i convocati ai Campionati EuropeiAtletica leggera: a La Spezia Falloni batte Lingua nel martelloAtletica leggera: a Imola Estate Bizzotto si conferma il più forte negli 800 metri
  •   
  •  
  •  
  •