Atletica, Daisy Osakue parteciperà all’Europeo

Pubblicato il autore: LucMatt Segui

La primatista italiana di origini nigeriane di lancio del disco Daisy Osakue, vittima di un’aggressione di stampo razzista eseguita da tre ragazzi nella notte tra il 29 e il 30 luglio a Moncalieri (Torino), ha ricevuto oggi, 3 agosto, il via libera dei medici per poter partecipare all’europeo di atletica leggera che si svolgerà a Berlino da lunedì 6 agosto fino al 12.

potrebbe interessarti ancheLa vita è una maratona? Il suicidio dell’ex campionessa di atletica Maura Viceconte a Chiusa San Michele

potrebbe interessarti ancheFilippo Tortu da Berlino a Sanremo per un altro record e per incontrare il suo idolo musicale Patty Pravo

Era ancora in forte dubbio la presenza della ventiduenne Daisy Osakue all’europeo, dopo essere stata presa di mira da tre diciannovenni di Torino che dall’interno della loro auto hanno scagliato con violenza un uovo sul volto della discobola azzurra a causa del suo colore della pelle, procurandole un’abrasione della cornea dell’occhio destro e un versamento di liquido sulla retina. Dopo alcuni giorni di riposo forzato, l’atleta azzurra, in accordo con i medici, ha potuto ufficializzare la sua presenza alle gare dell’europeo, che la vedranno protagonista già il 9 agosto con le qualificazioni di lancio del disco.

Intanto i tre giovani protagonisti dell’ennesimo atto di razzismo dell’ultimo periodo, sono stati identificati attraverso una complessa indagine eseguita da parte dell’Arma dei Carabinieri. Questi sono riusciti a risalire alla targa e alla proprietà dell’autovettura dal quale l’uovo terminato sul volto di Daisy Osakue è partito. I tre ragazzi sono stati accompagnati in caserma ed hanno ammesso le loro responsabilità, assicurando che la motivazione del gesto fosse riconducibile alla mera goliardia. I tre sono stati denunciati per lesioni e per omissione di soccorso.

notizie sul temaItalia a tutto sport. O forse no?Atletica, “We Run Rome” il 31 dicembre nella CapitaleMaratona New York 2018 in diretta sulla Rai il 4 novembre
  •   
  •  
  •  
  •