Basket NBA, il punto sulla Eastern Conference

Pubblicato il autore: Gianluca Cedolin Segui

LeBron JamesAnche in questa stagione la National Basketball Association sta regalando spettacolo agli appassionati della palla a spicchi. Analizzando la situazione ad Est dopo circa 33-34 incontri non mancano sicuramente le sorprese, a cominciare dall’inatteso duo di testa. Gli Atlanta Hawks di Paul Millsap (17 punti e 8 rimbalzi di media in stagione) e di Jeff Teague, uno dei playmaker più in forma della Lega, guidano la Eastern con 25 vittorie e 8 sconfitte, seguiti dai Toronto Raptors (24-9). Niente male per due squadre che a inizio stagione sembravano dover sgomitare per entrare ai playoff. Stanno ben figurando anche i Chicago Bulls (24-10), per i quali la migliore notizia è Derrick Rose, che seppur ancora lontano dal 100%, ha finora giocato 24 partite.
Faticano ancora a trovare la quadratura del cerchio i Cleveland Cavs, favoritissimi dal pronostico dopo il ritorno a casa di King James e l’acquisto di Kevin Love. Irving e compagni hanno per ora totalizzato 19 vittorie e 14 sconfitte e sono quinti dietro ai Washington Wizards (22-11), ma sono di diritto la candidata principe a raggiungere le Finals. Come sempre ad Est l’ultimo posto disponibile per la qualificazione ai playoff è occupato da una squadra a record negativo (la Miami orfana di James ma con il nuovo acquisto Deng e il redivivo Chris Bosh sugli scudi). Davanti agli Heat, con il 50% esatto di vittorie troviamo Milwaukee e Brooklyn, dalla quale è lecito aspettarsi qualcosa in più visto il roster a disposizione.
Le grandi delusioni ad Est sono finora principalmente tre. Gli Indiana Pacers, dopo la finale di conference dello scorso anno, arrancano adesso con 13 vittorie e 21 sconfitte, ma sono ancora in corsa per un posto nei playoff. Chi invece difficilmente disputerà la post-season sono i Boston Celtcs (11-20). I biancoverdi, la squadra più vincente della storia del basket americano, dopo la partenza dei Big Three di qualche anno fa non riescono più ad essere competitivi, e di recente hanno anche ceduto Rajon Rondo a Dallas. Chissà che l’anno prossimo per Boston sia la stagione della rifondazione. Ancora peggio stanno facendo i New York Knicks. La squadra della Grande Mela, con in squadra giocatori del calibro di Carmelo Anthony, Tyson Chandler e Amare Stoudemire, hanno conquistato finora 5 vittorie a fronte di 30 sconfitte, in una debacle generale nella quale non si salva nessuno, con il nostro Andrea Bargnani che ha disputato finora pochi minuti a causa di continui infortuni.
La Regular Season tuttavia non è ancora a metà e il mercato chiuderà tra oltre un mese (il 19 febbraio la trade deadline): di tempo per invertire la rotta ne rimane quindi, ma le franchigie in difficoltà devono sicuramente affrettare i tempi. Appuntamento tutte le notti sui parquet del campionato più bello del mondo!

potrebbe interessarti ancheGallinari ambizioso: “Soldi? Voglio solo vincere”
potrebbe interessarti ancheBasket Nba, varato il calendario: si parte subito con Toronto-New Orleans e il derby di Los Angeles

notizie sul temaLa nuova era texana per Russell WestbrookMondiali di Basket: Sarà un flop l’avventura degli Stati Uniti?Gallinari-Oklahoma Thunder, ora è UFFICIALE
  •   
  •  
  •  
  •