Nba: Paradosso Detroit Pistons, 5-0 dalla partenza di Josh Smith

Pubblicato il autore: Federico Sorrentino Segui

I Detroit Pistons vincono la quinta partita di fila (114-95 in casa contro Sacramento) dal clamoroso taglio di Josh Smith e iniziano a pensare che il grosso dei problemi era rappresentato proprio dall’ex ala degli Atlanta Hawks, ora agli Houston Rockets (3-3 dal suo arrivo, ora 23-10). In molti si domandavano come fosse possibile tagliare il miglior giocatore del proprio roster e il più pagato (quasi 13 milioni di dollari all’anno fino al 2016), ma la risposta l’ha data il campo. Senza Smith, mai integratosi a Motown, i Pistons sono ora una squadra sciolta e sbarazzina, con percentuali che sono schizzate alle stelle facendo strabuzzare gli occhi ad una tifoseria ormai rassegnata all’ennesima stagione anonima. Vittorie non casuali e prestazioni non fortuite quelle della squadra di Van Gundy, intenzionato sempre più ad imporre il suo marchio sui Pistons.

potrebbe interessarti ancheNba, I risultati della notte : James e Ball guidano i Lakers alla vittoria, interrotta la striscia di vittorie per i Celtics

Fino a dieci giorni fa Detroit era destinata a vivere gli ultimi mesi della stagione regolare con pigrizia e tristezza, ormai out dai giochi playoff, ma in pochi giorni é cambiato tutto. La mediocrità dell’est vende sogni a buon mercato un po’ tutti, sperare nei playoff non costa nulla e nella lista dei sognatori si iscrivono in molti: tra questi ora anche Detroit (10-23), tredicesima ma vicinissima all’ottava piazza di Miami (15-20) e alla settima di Brooklyn (16-17). Il Van Gundy 2.0 nasce la sera del 26 dicembre, in casa ad Auburn Hills, 119-109 contro Indiana. Arriva un tris di trasferte, ma i Pistons lo supera in scioltezza: 103-80 a Lebron, 109-86 ad Orlando, 97-81 sui derelitti Knicks. Ora il quinto mattone contro Sacramento.

potrebbe interessarti ancheBasket NBA, tre stelle pronte a brillare per la stagione 2017-2018

Il vero arrivo di Van Gundy, sostengono alcuni, non è avvenuto in estate quando fu presentato ufficialmente alla corte dei Pistons, con conferenza stampa e flash annessi. Nei fatti Van Gundy é arrivato dieci giorni fa, quando a Natale ha dato il benservito a Smith, opzione che ha liberato totalmente l’area per Drummond, riducendo ulteriormente lo spazio per Monroe, destinato come Smith a lasciare Detroit molto presto. Jerebko, da 4, garantisce soluzioni che Van Gundy gradisce. Il rientro di Meeks ha dato più brio a Jennings, rigenerato nel post-Smith. Quattro giocatori perimetrali e un mostro di muscoli e agilità sotto canestro, con un roster da puntellare in estate dopo le perdite di Smith e Monroe. La rivoluzione di Van Gundy è solo all’inizio dunque, ma tra le vittime illustri rischia di finirci sempre più il nostro Gigi Datome, fuori dalle rotazioni anche durante il Van Gundy 2.0.

notizie sul temaNBA, Sacramento piega New Orleans, Detroit sbanca Toronto. Risultati 13 febbraionba playoffNBA Playoff: Cleveland si prende gara-1 col brivido, ma Detroit c’èNba Playoff, Cavs vs Pistons: parte la caccia del Re
  •   
  •  
  •  
  •