Eurobasket 2017: la Slovenia elimina la Spagna e approda in finale con Serbia o Russia

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Sorpresa, ma non troppo. Questo ha detto ieri sera, la prima semifinale di Eurobasket 2017, nella quale una grandissima Slovenia ha nettamente sconfitto a Istanbul, la plurimedagliata, Spagna con il punteggio di 92-72, conquistando la qualificazione all’atto finale della rassegna continentale. Gli iberici, sono stati costretti ad abdicare dopo tre titoli europei nelle ultime quattro edizioni. La squadra slovena, allenata dal tecnico emergente il serbo Igor Kokoskov, è la nazionale con l’eta media più bassa di tutta la manifestazione, con appena 25 anni. Ha dominato la partita, fin dall’inizio, ma la “chiave” è stata la capacità di mettere a segno, una percentuale di tiri da tre punti spaventosa (10/15 solo nella prima metà del match)  contro un avversario forte ed esperto, non era facile da pronosticare.

Nei primi due quarti di gioco, il punteggio è stato equilibrato, con gli spagnoli che sono andati all’intervallo con soli quattro punti da recuperare, ma nella ripresa il talento cristallino del 18enne giocatore del Real Madrid, Luka Doncic, ha fatto tutta la differenza del Mondo, sfiorando la tripla doppia, con 11 punti, 8 rimbalzi, e sopratutto 8 assist,  tanto che le “furie rosse” sono arrivate agli ultimi dieci minuti di match, con addirittura 16 punti da recuperare. La Slovenia ha consolidato la sua superiorità, continuando a segnare, pur con la partita ormai in pugno. Gli altri protagonisti che hanno portato la nazione ex jugoslava a questa straordinaria impresa, sono stati Marko Dragic, e l’oriundo americano Randolph, senza trascurare Preperlic. La Spagna, guidata dal tecnico italiano Sergio Scariolo, ha avuto la meglio solo nella percentuale dei tiri liberi, ma le tantissime stelle, militanti in Nba, non hanno inciso, gli unici a salvarsi con onore sono stati i fratelli Pau Marc Gasol. Disastrosa la prova di Ricky Rubio, sopratutto dalla lunga distanza, ma il numero 9 spagnolo, ha comunque griffato 12 punti. A fine partita, c’è stato il delirio di gioia degli oltre 2000 tifosi sloveni presenti nel palazzetto della città turca e per le strade.

Comunque andrà la finale di domenica sera alle ore 20.30, contro la vincente, del match di questa sera tra Serbia Russia, la squadra di Kokoskov, si è guadagnata la prima medaglia assoluta della sua storia, ma ora sulle ali dell’entusiasmo vuole portarsi a casa quella dal metallo più pesante con annessa coppa del vincitore. Gli iberici giocheranno la finalina che vale il terzo o quarto posto, una grande amarezza dopo un cammino immacolato, tutte vittorie fino al ko ad un passo da un nuovo trionfo. Dopo questa batosta, si parla di addio alla Roja per molti big, che vogliono dedicarsi alle squadre di appartenenza, ma non va dimenticato che la Spagna cestistica ha scritto un era con medaglie in tutte le manifestazioni. Per coach Scariolo, se le defezioni venissero confermate, c’è da preparare la qualificazione ai prossimi mondiali, che si svolgeranno tra due anni in Cina, mentre la prossima rassegna continentale non si svolgerà più, con cadenza biennale, e avrà luogo nel 2021.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •