Scandone Avellino, può essere l’anno buono per il sogno tricolore

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Scandone Avellino

Scandone Avellino, Sacripanti sogna in grande

Scandone Avellino, un primato che può durare fino alla fine. Da tre anni al vertice del basket italiano, questa potrebbe essere la stagione che può condurre ad un sogno. La Scandone Avellino è in testa al campionato di A1, un primato da condividere con l’Olimpia Milano. Una vetta conquistata dai biancoverdi nell’ultima giornata di campionato, dopo aver asfaltato la Virtus Bologna. 11 vittorie e 3 sconfitte fino ad ora in un campionato che è prossimo al giro di boa. La trasferta contro Trento di sabato prossimo chiuderà il girone di andata e stabilirà la griglia della Final Eight in programma a febbraio a Firenze. Degli undici successi in campionato ben tre sono arrivate ai supplementari, segno di grande carattere della squadra di coach Sacripanti. E’ lo stesso allenatore biancoverde uno dei segreti del successo avellinese. Oltre ad un pubblico che segue in maniera sempre appassionata i suoi beniamini in canotta e pantaloncini.

Un quintetto solido, ma anche ricambi di qualità. Il play Fitipaldo, Rich guardia, Leunen  e Wells ali, Fesenko centro. Questo lo starting five ideale della Scandone Avellino. A Sacripanti, come detto, non mancano le alternative in panchina: da Lawal a Scrubb, da Zerini a Filloy fino a N’Diaye. Quest’ultimo ha portato grande esperienza e mentalità al Paladelmauro. L’italo-argentino è stato tra i protagonisti della cavalcata tricolore della Reyer Venezia nella passata stagione, tutto il popolo biancoverde si augura che possa fare un storico bis personale.

potrebbe interessarti ancheRipescaggi Serie B: Siena, Ternana e Pro Vercelli candidate a subentrare a Bari e Avellino

Scandone Avellino: nessun miracolo, solo grande programmazione

La Sidigas Scandone Avellino è lì, in alto. Nessun miracolo, ma tanta buona programmazione. La società biancoverde è come detto abituata ad essere al vertice della pallacanestro italiana. La Coppa Italia vinta nel 2008 era stata una piacevole sorpresa, oggi questa squadra è pronta per vincere. Nella passata stagione la Scandone è arrivata ad un passo dalla finale tricolore. I biancoverdi si arresero a Venezia, poi laureatasi campione d’Italia contro Trento. Non era facile ripartire in questa stagione, complici le partenza di Ragland e Green.

potrebbe interessarti ancheSerie B 41.a giornata: Castaldo lancia l’Avellino, Spezia superato di misura

Sono arrivati giocatori di qualità e soprattutto c’è coach Sacripanti, una garanzia. Una squadra forte, con un quintetto base e ricambi pensati per condurre una stagione al vertice.  L’Olimpia Milano è e resta la squadra da battere, Brescia non sembra in grado di reggere la vetta, mentre Venezia è lì sorniona. La Scandone Avellino può contare su un fattore spesso decisivo, quello del campo. I biancoverdi hanno fatto 7 su 7 fino ad ora in campionato. Il Paladelmauro, sempre gremito, è un prezioso alleato per gli uomini di Sacripanti. Negli anni ’80 era famosa nella serie A di calcio la cosiddetta “ legge del Partenio”, oggi nel basket c’è in vigore più che mai la “legge del Paladelmauro”. I biancoverdi fanno sognare i loro tifosi, che non vogliono svegliarsi. L’Italia del basket è avvisata, per vincere lo scudetto 2017/2018 bisogna fare i conti con la Sidigas Scandone Avellino. I lupi biancoverdi hanno tanta fame. Un appetito tricolore.

notizie sul temaLa 39.a giornata della serie BPalermo-Avellino, missione impossibile per i biancoverdi al Barbera?PARMA, ITALY - DECEMBER 16: Official ball of Robe di Kappa during the Serie B match between Parma Calcio and AC Cesena at Stadio Ennio Tardini on December 16, 2017 in Parma, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)Serie B: Avellino-Frosinone 0-2: nella ripresa Dionisi e Paganini regalano ai ciociari il secondo posto
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: