NBA, i risultati della notte: vincono Thunder e Celtics; Cadono i Warriors.

Pubblicato il autore: IvoRossi17 Segui


La regular season NBA non si ferma mai. Nella notte si sono giocate sei partite dove non sono mancate le sorprese.
Cominciamo dai Toronto Raptors che firmano la undicesima vittoria consecutiva e proseguono la loro cavalcata in testa alla East conference. Questa volta la vittima dei Raptors sono i Dallas Mavericks battuti all’overtime 122-115; protagonisti DeRozan con 29 punti e Valanciunas con una solida doppia-doppia da 21 punti e 12 rimbalzi.
I 76ers del nostro Marco Belinelli battono i Nets grazie alla prestazione sontuosa di Joel Embiid da 24 punti e 19 rimbalzi. Buonissima partita di squadra di Phila che tocca quota 30 assist e con questa vittoria mette una seria candidatura ai prossimi playoff.
In trasferta in Florida, i Boston Celtics hanno la meglio sugli Orlando Magic per 92 a 83. Privi di Irving i ragazzi di Stevens faticano, ma grazie ai 17 punti di Rozier e Monroe vincono una partita importantissima.
I Thunder consolidano il quarto posto a Ovest battendo i Clippers orfani di Gallinari. Decisivo come al solito Russel Westbrook, autore dell’ennesima tripla doppia da 16/10/11. Da segnalare anche i 22 punti di Brewer e i 18 di Adams. Ai Clippers non bastano i 24 di Harris.
La vera sorpresa della notte è la sconfitta dei Golden State Warriors in casa contro Sacramento. Alla Oracle Arena i ragazzi di Kerr privi dei Big Three Curry, Thompson e Durant perdono la terza partita nelle ultime dieci. Solidissima prova di Hield per i Kings con 22 punti 7 rimbalzi e 7 assist. Nei Warriors, Draymond Green sfiora la tripla doppia.
Dragic prende in mano i Miami Heat e li conduce alla vittoria a Los Angeles; 30 punti per lui. I Lakers pagano caro le venti palle perse. 18 punti per Lopez, 25 con 12 rimbalzi per Randle. Finisce 92-91 per gli Heat.
Questa notte i Rockets a New Orleans per consolidare il primato a Ovest; Atlanta in trasferta contro i Bucks e sfida caldissima per il terzo posto nella Eastern Conference tra i Washington Wizards e gli Indiana Peacers.

potrebbe interessarti ancheNBA, la classe del 2018: Steve Nash, Ray Allen, Jason Kidd e Grant Hill entrano nell’Hall Of Fame
potrebbe interessarti ancheNBA, il caso dei cestisti depressi. La Lega istituisce un servizio di assistenza psicologica

notizie sul temaNba, la fine di un’era: Manu Ginobili dice addio al basketNba, Kobe Bryant festeggia 40 anni e la Nike gli dedica un nuovo modello di scarpeNBA, Boston Celtics: ora è tutto nelle vostre mani
  •   
  •  
  •  
  •