Basket 3×3, Mondiale femminile: le azzurre sono Campionesse del Mondo

Pubblicato il autore: Marco D'Onorio Segui

Sì, è tutto vero. Le azzurre del basket 3×3 hanno vinto il Mondiale giocatosi a Manila, la capitale delle Filippine. Molti forse ne hanno sentito parlare pochissimo, ma questa disciplina è diventata una solida realtà che cresce sempre più, giorno dopo giorno. Farà anche il suo esordio olimpico tra due anni, a Tokyo 2020.

potrebbe interessarti ancheLa stoppata di Andrew Goudelock in gara 4

Le azzurre ripartivano dal quinto posto conquistato in Francia nel 2017, quando furono sconfitte dall’Ungheria. Pochi giorni prima dell’inizio di questo Mondiale parlava così coach Angela Adamoli: “Siamo finite in un girone difficile, ma sono ottimista”. Ottimismo che è stata forse la chiave del successo delle azzurre, portandole a superare la fase finale contro Stati Uniti, Cina ed infine in finale la temuta Russia, campione del mondo in carica. Il roster, formato da Giulia Ciaverella, Raelin Marie D’Alie, Marcella Filippi e Giulia Rulli, rappresenta il primo titolo iridato della Nazionaale italiana di basket. Tanti i complimenti arrivati dal mondo dello sport italiano, tra cui anche quelli pieni di gioia di Gianni Petrucci, presidente Fip, e Giovanni Malagò, presidente del Coni.

potrebbe interessarti ancheBasket maschile Serie A1, è iniziato il valzer delle panchine

Questo trionfo, da parte delle azzurre, è sicuramente un grandissimo passo avanti per il 3×3, ma anche per il basket in generale. Ora si punta alle Olimpiadi, ma la vittoria di oggi fa sperare più che bene. La situazione della Nazionale maschile, invece, è un po’ diversa. I ragazzi non sono stati ammessi tra le venti squadre che parteciperanno al Mondiale, a causa della loro posizione troppo arretrata nel ranking.

notizie sul temaMilano-Trento live streaming e diretta tv finale Basket Gara 5, oggi 13 giugnoTrento-Milano live streaming gratis e diretta tv, Finale Scudetto Basket gara 3 oggi 9 giugnoNba Finals, Golden State batte Cleveland in gara 4. Il titolo è ancora suo
  •   
  •  
  •  
  •