Basket maschile Serie A1, è iniziato il valzer delle panchine

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

NBA – Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Mentre la finale play off di basket tra Milano e Trento sta per giungere alla sua conclusione, alcune società di serie A1 già si sono mosse per mettere sotto contratto i nuovi allenatori, dando il via al valzer delle panchine in vista della prossima stagione che prenderà il via il prossimo ottobre.

La notizia delle ultime ore è anche quella più clamorosa, infatti la Fiat Torino ha trovato l’accordo con il coach Larry Brown campione NBA con i Detroit Pistons e NCAA con Kansas; portare Brown sotto la mole è un colpo clamoroso per i torinesi, basti pensare che il coach americano classe 1940, è l’unico allenatore NBA ad aver portato otto squadre diverse ai play off e unico allenatore ad aver vinto sia il titolo nazionale NCAA sia il titolo NBA.
Firmerà un contratto 1+1 e a suo fianco nel ruolo di assistente avrà Dante Calabria ex giocatore di Milano, Treviso e Fortitudo Bologna; il suo annuncio ha scatenato i tifosi sui social che già sognano in grande.

Una delle deluse di questo campionato è senza dubbio la Sidigas Avellino, che ha annunciato di aver preso al posto di Stefano “Pino” Sacripanti, che ha chiuso la sua esperienza irpina dopo tre anni, il serbo Nedad Vucinic (per lui un biennale) che nell’ultima stagione è stato consulente tecnico dello Shanxi nel campionato cinese e precedentemente, per quattro stagioni, è stato allenatore  del Byblos Club in Libano, arrivando a disputare una finale e due semifinali, oltre a vincere una Coppa e una Supercoppa libanese oltre ad avere anche un’esperienza italiana nel 2011-12 avendo allenato la Fulgor Libertas Forlì. Una scommessa che ad Avellino sperano di vincere.

potrebbe interessarti ancheLebron James da leggenda, attacco al potere tra Jabbar e Jordan

Il già citato Sacripanti, si è accasato alla Virtus Bologna altra squadra che in questa stagione ha deluso, fallendo  la qualificazione ai play off con coach Alessandro Ramagli alla guida; quest’anno i virtussini torneranno in europa grazie a una wild card per la Champions League della FIBA e per il neo coach che ha firmato un biennale, sarà un motivo in più per cercare di fare bene in una piazza calda come quella bolognese.
La conoscenza del campionato italiano è indubbia, infatti Sacripanti negli anni passati, oltre la già citata Avellino, ha avuto tante esperienze sulle panchine di serie A1 come Cantù, Pesaro e Caserta, senza dimenticare i dieci anni passati con la nazionale Under 20 italiana, dove è riuscito a vincere agli Europei di categoria un oro (2013), un argento (2011), un bronzo (2007).

Un’altra squadra che in questa stagione ha fallito l’obiettivo play off è la Dinamo Banco di Sardegna Sassari che ha annunciato qualche settimana fa l’ingaggio dell’icona del basket italiano Vincenzo Esposito, che dopo tre anni alla guida di Pistoia ha deciso di cambiare aria e mettersi in discussione in terra sarda firmando un contratto di due anni.
Bissare la vittoria del campionato del 2014-15 sarà quasi impossibile, però il neo coach casertano ha tutte le carte in regola per far disputare ai suoi uomini una buona stagione dopo un anno deludente.

La già citata Pistoia, dopo il divorzio con Vincenzo Esposito, è andato a prendere un coach di provata esperienza come Alessandro Ramagli, negli ultimi due anni a Bologna sponda Virtus; al coach livornese, che ha firmato un biennale si chiede  come obiettivo primario la permanenza in massima serie.
Tante le squadre allenate da Ramagli nell’arco della sua carriera: Biella, Teramo, Verona, Siena, oltre alla Virtus Bologna con la quale due anni fa riuscì nell’impresa al primo colpo di vincere la sia la Coppa Italia sia il campionato di serie A2 che permise ai virtussini di tornare subito nella massima serie, dopo l’amara retrocessione della stagione precedente.

potrebbe interessarti ancheLeBron James e la scalata verso l’olimpo dei miglior marcatori: ciao ciao Chamberlain

Infine sempre rimanendo in Emilia, la Pallacanestro Reggiana e Massimiliano Menetti dopo otto stagioni consecutive si sono detti addio in maniera consensuale e al suo posto ci sarà colui che gli ha fatto da vice nelle ultime tre stagioni: Devis Cagnardi.
Bresciano, 42 anni, il neo coach ha firmato un accordo di due anni con opzione di uscita da parte della società al termine della prima stagione sportiva; la società punta molto su di lui nonostante sia la prima stagione da head coach su una panchina, ma la presidente Licia Ferrarini è convinta che con le sue competenze tecniche e la sua grande determinazione, la squadra potrà togliersi delle grandi soddisfazioni.

L’estate ancora deve iniziare ma se il buongiorno si vede dal mattino, per quanto riguarda il mercato allenatori le prossime settimane si annunciano bollenti.

notizie sul temaBasket Serie A1: la Lega ha annunciato il programma del turno natalizio: ecco la programmazione televisivaNba, risultati della notte : Debutto non eccellente per Butler, James regala la vittoria a Los AngelesNBA, LeBron James scavalca Chamberlain nella classifica dei migliori marcatori
  •   
  •  
  •  
  •