Basket: Il superclassico va a Milano, una Sassari indomita cede all’ultimo respiro 106-107

Pubblicato il autore: Davide Visioli Segui


Basket: Il superclassico va a Milano, una Sassari indomita cede all’ultimo respiro 106-107

L’incontro clou della decima giornata di Serie A, ormai un classico del campionato degli ultimi anni tra Dinamo Sassari e Olimpia Milano, è una battaglia infinita che entra nella storia del basket italiano più recente, risolta solo all’ultimo respiro, all’overtime dal colpo di reni finale di Milano. Una lotta senza esclusione di colpi durata 45′ minuti, una partita leggendaria, uno spot per il basket italiano, con risultato finale di 106-107.
Da una parte Milano ritrova in tutti i sensi un Nemanja Nedovic già in forma Eurolega, dopo il periodo di stop imposto per infortunio, ed un Mike James sempre più fulcro del gioco di Milano.
Dall’altra il faro è Scott Bamforth, che illumina il gioco di Sassari con i suoi 32 punti, e la doppia doppia realizzata da Jack Cooley (17 punti e 19 rimbalzi).

L’avvio di gara è subito scoppiettante, le due squadre si sfidano sullo stesso terreno, corsa, atletismo, tiri dall’arco con alte percentuali e spettacolo.
Dopo le prime schermaglie iniziali, al 5′ Sassari è avanti 12-11, poi si scatenano le triple consecutive con James, Brooks e Kuzminskas da parte dei biancorossi, che scavano subito un primo solco, immediatamente rintuzzato da Bamforth e Smith. Nella pancia del primo periodo cominciano a fioccare le imprecisioni, fino al 16-13 per Sassari. Si procede su questo equilibrio fino alla tripla da centrocampo di Kuzminskas allo scadere che fissa il parziale del primo quarto sul 16-19.
Nel secondo quarto, sale di tono la prestazione di Cooley, che dispensa rimbalzi, tanta lotta in area e canestri, che valgono il nuovo vantaggio biancoblù sul 26-24. Ma, i tricolori riprendono confidenza col canestro, con un James ispirato da un lato e Brooks ma sopratutto Gudaitis a finalizzare.
Il vantaggio prende consistenza, Sassari non trova più fluidità di manovra, mentre Milano mette la freccia e apre lo squarcio fino al massimo vantaggio di 11 punti (34-45 al 18′).
La Dinamo non ci sta e dopo un timeout di coach Esposito riapre la sfida, con un finale di periodo alla riscossa. Prima un parziale di 7-0 per rientrare in gara, costellate da seconde occasioni derivate dal lavoro sporco di Cooley e Thomas sotto le plance, poi un dubbio antisportivo fischiato a danno di Nedovic (sin lì non un fattore per Milano). Si va all’intervallo lungo sul 41-45 per Milano.

Dopo la pausa, Milano esce dagli spogliatoi dura e cattiva, portandosi in breve sul +10, sul 41-51. La Dinamo entra troppo scarica, non riuscendo subito a trovare la quadra per fronteggiare i biancorossi, fioccano le palle perse, l’attacco è bloccato e non trova soluzioni facili, a causa della grande pressione difensiva imposta dalle scarpette rosse.
Milano tiene sempre a bada i tentativi di rientro di Sassari, passando dal 25′ minuto sul 52-59 al 52-63 con relativo +11 guidati dai recuperi e canestri di Burns e dalle triple di Nedovic. Ma una Sassari indomita trova le energie per riaccendere la speranza, con Bamforth e Thomas, trovando uno scatto d’orgoglio che dimezza lo svantaggio fissandolo sul -5 (63-68) a fine terzo quarto.
Il Pala Serradimigni ci crede, Sassari ci crede e il quarto periodo scatena Gentile, che impatta con la tripla del pari 70-70 e Cooley che pone il vantaggio al 32′. Risponde prepotentemente Nedovic, con 9 punti di fila e un gioco da 4 punti, tramortendo Sassari.
Sembra finita con Milano in grado di passare da -2 a +7 a 1’20” dalla sirena, ma i campioni d’Italia perdono completamente la bussola con Bamforth, che risponde da campionissimo con 3 triple pazzesche riportando Sassari in rotta di collisione sulla partita. Al 40′ finisce in tripudio 91-91, con il palazzetto dello sport di Sassari in festa.

potrebbe interessarti ancheBasket Eurolega, Olimpia Milano-Olympiakos 66-57 (Video Highlights): vittoria fondamentale per la squadra di Pianigiani

Nei tempi supplementari è una corrida, l’arena è una bolgia e assiste ad uno spettacolo nello spettacolo.
Contatti durissimi, grande intensità, ma anche tanti gli errori dovuti alla stanchezza e alla mancanza di lucidità.
Si va avanti per inerzia quasi solamente con i tiri liberi, ed in questo momento sono gli arbitri a rendersi protagonisti (saranno addirittura 47 quelli per Milano a fine gara) con alcune decisioni discutibili e molto contestate dal pubblico sassarese.
Gudaitis nel frattempo viene espulso per somma di falli, ma la bilancia dell’equilibrio si rompe così dai dettagli, dagli episodi, con la tripla pazza di Micov a 13″ secondi dalla fine che porta Milano sul +4. Sembra finita, ma ancora una volta non lo è, perchè ci pensa prima Bamforth ad immolarsi per la causa con il suo fallo, poi Jaime Smith a riportare Sassari ad una sola lunghezza.
Sull’ultimo disperato tentativo di Pierre la palla si spegne sul tabellone. Termina sul 106-107, una gara epica, leggendaria, indimenticabile.

Un superclassico vissuto come fosse una finale di playoff, una gara che non meritava uno sconfitto e che non meritava neppure il protagonismo arbitrale, che purtroppo c’è stato.
Nella coda lunga del finale, dopo la sirena, con l’adrenalina a mille, c’è stato spazio per il fuori programma anche per una rissa tra Gudaitis e Petteway, calmata a fatica dagli altri giocatori.
L’Olimpia Milano è sempre più leader indiscussa del campionato con la decima soffertissima vittoria su dieci sfide. Per la Dinamo Sassari il rammarico nell’aver mancato una grande occasione, che sarebbe stata meritata, ed una classifica che si fa molto precaria. Ma anche la consapevolezza che con questo atteggiamento, con questa mentalità, l’araba fenice (come ama definirla il presidente Sardara), può risorgere.

potrebbe interessarti ancheBasket Eurolega, CSKA Mosca-Olimpia Milano 101-95 (Video Highlights): si ferma in Russia la striscia di vittorie dei lombardi

Dinamo Sassari:
Spissu 6, Smith 13, Bamforth 32, Petteway 5, Pierre 5, Gentile 7, Thomas 14, Polonara 7, Cooley 17p+19r, Diop 0, Devecchi 0, Magro 0

Olimpia Milano:
Della Valle 7, James 19p+15a, Micov 8, Gudaitis 16p+10r, Fontecchio 3, Nedovic 21, Kuzminskas 4, Cinciarini 7, Burns 8, Brooks 8, Jerrells 6, Musumeci ne

notizie sul temaBasket Eurolega, Khimki Mosca-Olimpia Milano 88-90 (Video Highlights): vittoria in rimonta per la squadra di PianigianiBasket Eurolega, Olimpia Milano-Maccabi Tel Aviv 87-83 (Video highlights): vittoria fondamentale per i lombardiFinal Eight di Coppa Italia: Road to glory, sfida finale tra le 8 contendenti (2° parte)
  •   
  •  
  •  
  •