Olimpia Milano: Raduljica gioca bene, sogno o son desto?

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

olimpia milano

Ieri l’Olimpia Milano ha collezionato la ventunesima sconfitta della propria Eurolega a fronte di sette vittorie. Disastrosa è l’unico aggettivo che possiamo usare per descrivere la stagione europea dell’EA7. I campioni d’Italia sono stati battuti dal Brose Bamberg con il risultato di 76 a 84, il tutto davanti ai propri tifosi. Come spesso è accaduto in questa annata di coppa, l’approccio dell’Emporio Armani Milano è stato indecente: dopo il buon avvio milanese (7-2), la formazione tedesca mette a segno un parziale di 2-22. La squadra allenata da Andrea Trinchieri chiude il primo quarto sul +15 (14-29) prima di toccare il +20 (49-29) dopo diciotto minuti. Il Bamberg resiste al tentativo di rimonta dell’Olimpia Milano, che nell’ultima frazione arriva a -5 grazie a due tiri liberi di Miroslav Raduljica. L’EA7 torna sotto nel punteggio ma non dà mai l’impressione di poter passare in vantaggio e ogni volta viene ricacciata indietro dagli ospiti, che chiudono il match per 76-84. Coach Repesa ha provato a sperimentare cose nuove come brani di una difesa a zona press, ma con un approccio del genere è impossibile vincere come da lui stesso dichiarato: “Mi dispiace per la sconfitta, è stata una gara simile a quella giocata con la Stella Rossa. Nel primo quarto abbiamo subito un parziale devastante e abbiamo difeso malissimo senza reagire dal punto di vista emotivo. Non basta giocare bene solo l’ultimo quarto per vincere in Eurolega, serve un altro approccio“.

Olimpia Milano: la prestazione di Miroslav Raduljica

Incredibile ma vero: Miroslav Raduljica ha giocato bene e con intensità. Il centro serbo è stato il migliore dei suoi, visto che dagli altri biancorossi sono giunte solo ombre (non ingannino i 20 punti di Ricky Hickman, che è stato indecente in difesa). Coach Jasmin Repesa ha comunque bacchettato il proprio centro in conferenza stampa: “Meglio tardi che mai ma non basta un quarto giocato bene cancellare quanto fatto vedere fino ad ora“. Parole sante quelle dell’allenatore dell’Olimpia Milano, che tradotte vogliono dire: domenica in campionato giocherà Kaleb Tarczewski. Ciò che dice Repesa è verissimo, ma lo è altrettanto il fatto che per la prima volta in questa stagione Raduljica si è sentito coinvolto nella partita. Il pivot ha cercato il contatto fisico e preso posizione in mezzo all’area, rendendosi un bersaglio per i compagni di squadra. L’atteggiamento di Raduljica è stato esaltato dai tifosi dell’Olimpia Milano (oltre 8000) e il centro è stato il grande protagonista del rientro dei campioni d’Italia a -5. Alla fine l’ex Minnesota ha chiuso con 19 punti e 9 rimbalzi. C’è da dire che il pacchetto centri dei Bamberg non è il top dell’Eurolega, ma è altrettanto vero che fino a questo punto Raduljica aveva sofferto contro tutti i lunghi del campionato italiano.

  •   
  •  
  •  
  •