Euroleague: gran cuore Milano, Olympiacos batte il Maccabi

Pubblicato il autore: Gianni Succu Segui

Terza giornata di Euroleague di basket, la prima prevista in back-to-back con due giornate giocate nella stessa settimana e il gruppone inizia a delineare la propria dimensione.

Le gare disputate tra martedì e mercoledì hanno offerto un grande spettacolo, come sempre, lasciando in testa alla graduatoria tre delle quattro formazioni che avevano approcciato la settimana di gare in vetta.

Georgios Printezis - Euroleague

Georgios Printezis protagonista nel big-match contro il Maccabi

Lo scontro diretto previsto a Tel Aviv tra il Maccabi e l’Olympiacos non ha certo deluso, per quanto siano state le difese a farla da padrone, lasciandoci un match spettacolare, condotto per la quasi totalità dagli ospiti greci e che ha visto la contesa concludersi punto a punto con il trionfo della squadra di Printezis per 68-69. Gara che a un minuto e poco più dalla fine sembrava chiusa con i biancorossi avanti di 6, ma che si è riaperta grazie alla tripla di Roll e ai 2 punti di Norris Cole (autore di un’ottima prestazione da 22 punti e 7 rimbalzi), regalandoci un finale palpitante, con la preghiera in contropiede dello stesso Cole respinta dal ferro sulla sirena.

A Madrid invece è andata in scena l’ennesima prestazione tutto cuore ma poca fortuna, da parte dell’AX Milano, in grado di giocare per due quarti alla pari, se non meglio, del Real. Il solito Luka Doncic ha poi guidato il parziale di 20-0 che, in apertura di terzo quarto, ha tagliato le gambe alla squadra di Pianigiani, comunque caparbia nel rientrare fino al -3 a due minuti dalla fine, con Goudelock sugli scudi. Stanchi dalla probante rimonta, i meneghini si sono dovuti piegare nel finale alla straordinaria produzione di Facundo Campazzo, che ha fissato il risultato finale sul 100-90. Terza sconfitta di fila per Milano, che ha comunque dato ulteriori ottime indicazioni per il prosieguo della competizione, avendo affrontato e messo alle corde tre delle migliori compagini del lotto.

Le altre gare della 3° giornata di Euroleague

Nelle restanti gare di giornata, si conferma in vetta alla classifica il Khimki del solito Alex Shved, che si è dovuto fermare a un assist dalla doppia doppia con 18 punti, e del ritrovato ex Kings James Anderson, che ha sconfitto la sempre ostica Stella Rossa con un parziale da urlo a cavallo tra secondo e terzo quarto, trionfando di 7 alla sirena.

Thomas Robinson Khimki

Thomas Robinson schiaccia nella gara contro Stella Rossa

Si ferma ancora il Barcellona in una gara che sembrava già scritta alla vigilia contro i lituani dello Zalgiris, trascinati dai 20 punti e 8 assist di Vasilije Milic, e vincenti 75-81 ma senza soffrire più di tanto nel finale.
Altrettanto sorprendente è stato il successo esterno del Bamberg (al primo trionfo dell’era post Melli in Euroleague), capace di espugnare il parquet dell’Unicaja Malaga grazie ad un ottima prova di squadra, con 4 giocatori in doppia cifra e la doppia doppia di Augustin Rubit (15+11).
La vittoria senza appello del Valencia nel derby con Baskonia (63-80) lascia i baschi al palo, lanciando la formazione di Erick Green nei piani altissimi della graduatoria, grazie alle 2 vittorie su 3 gare e ad un’ottima differenza canestri.

Le ultime due gare del mercoledì di coppa hanno invece confermato lo strapotere del CSKA Mosca, probabilmente ancora scottato dalla sconfitta patita settimana scorsa, che ha fatto un sol boccone del malcapitato Panathinaikos con 25 punti di Sergio Rodriguez e 21 di Kylie Hines, nonostante il dominio a rimbalzo dei greci (81-63 il risultato finale), e del Fenerbahçe. La formazione di Datome e Melli ha dominato il derby contro l’Efes Istanbul mandando ben 5 giocatori in doppia cifra e dominando in ogni dato statistico la gara, con un terzo quarto da cineteca. Grazie all’81-70 finale il Fener ha ritrovato il posto che gli spetta tra le prime otto della classifica, e conta di proseguire su questo percorso già dalla gara di venerdì contro il Panathinaikos ad Atene.

Settimana infernale per l’Olympiacos che si trova ad affrontare, già oggi, un’altra delle leader della classifica nello scontro diretto al Pireo contro il Khimki in quello che è senza dubbio il big-match del quarto turno di Euroleague.

  •   
  •  
  •  
  •