Mercato NBA 2017: il futuro di Andrew Bogut e Deron Williams

Pubblicato il da Alberto Pedrazzini

mercato NBA 2017

Alle 21 italiane di ieri è terminata la possibilità di fare scambi di mercato NBA 2017 tra le squadre. La sola cosa che possono fare le franchigie è rescindere il contratto con propri giocatori e ingaggiare free agent. Attualmente sono i due i nomi sulla bocca di tutti: Deron Williams e Andrew Bogut. Partiamo da quest’ultimo, che attualmente è nel roster dei Philadelphia 76ers dopo esser stato ceduto nella trade che ha portato Norlens Noel ai Dallas Mavericks. Il centro australiano non scenderà mai in campo con la maglia dei Sixers ed è dalla deadline del mercato NBA 2017 che sta trattando la rescissione del contratto con Philly. Il futuro del pivot è incerto visto che sono molte le squadre che sono interessate a lui. Anzitutto gli Houston Rockets e i Cleveland Cavaliers, ma lo scenario più clamoroso è quello che porta ai Golden State Warriors. Bogut era il centro titolare della squadra campione nel 2015 e finalista nel 2016 prima di essere ceduto ai Dallas Mavericks in modo da avere spazio salariale per firmare Kevin Durant.

Mercato NBA 2017: ufficiale la rescissione del contratto di Deron Williams

Deron Williams non è più un giocatore dei Dallas Mavericks. Il play ha rescisso il contratto e in molti dicono che si sia già accordato con i Cleveland Cavaliers. Ieri sembrava che gli Utah Jazz fossero interessati a riportare in squadra quella che era stata la loro stella negli anni 2000 ma i Cavs offrono la possibilità a D-Will di contendere per il titolo NBA. Lebron James vede così soddisfatta la propria richiesta di avere un play di riserva. Un’altra rescissione ufficiale è quella di Terrence Jones con i New Orleans Pelicans, una mossa resa necessaria dall’abbondanza di lunghi nella franchigia della Big Easy. Un altro addio è quello di Marcus Thornton. Il giocatore è stato tagliato dai Brooklyn Nets appena arrivato all’interno della trade che ha portato Bojan Bogdanovic ai Washington Wizards.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •