NBA Finals 2017: i voti ai protagonisti

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

NBA

I Golden State Warriors sono i campioni NBA ’16/’17 grazie alla vittoria in gara 5 che ha permesso a Kevin Durant (MVP delle finali) e soci di vincere l’anello contro i Cleveland Cavaliers di Lebron James. In questo articolo andiamo a dare i voti ai protagonisti delle due squadre, partendo dai vinti.

potrebbe interessarti ancheMercato NBA, Durant potrebbe lasciare Golden State?

NBA Finals: i voti ai Cleveland Cavaliers

Lebron James 10: vinto, non sconfitto. “Ho dato tutto ciò che avevo in ognuna delle cinque partite”: sono state le parole del RE nel corso della conferenza stampa post-gara 5. Ha giocato delle finali NBA strepitose e avrebbe anche meritato il premio di MVP dopo la serie che ha giocato: 33.6 punti, 12 rimbalzi e 10 assist di media.
Kyrie Irving 8: un perfetto secondo violino. L’apice delle Finals l’ha toccato in gara 4 con i suoi 40 punti in 40 minuti.
Kevin Love 6,5: resterà sempre il terzo dei Big Three. Probabilmente ha giocato le migliori Finali dal punto di vista difensivo ma forse è un po’ mancato nella sua metà campo preferita: quella offensiva. In gara 5 solo 6 punti con 2/8 dal campo di cui 0/3 da tre punti.
Tristan Thompson 4,5: la positiva gara 5 (15 punti e 8 rimbalzi) non può far dimenticare le ampie insufficienze delle prime quattro partite.
J.R. Smith 6,5:  era stato osceno nelle prime due partite ma dopo di esse è salito di livello. Ottima la sua gara 5: 25 punti in 40 minuti.
Iman Shumpert 4: e pensare che David Blatt lo faceva partire in quintetto nelle finali del 2015.
Kyle Korver e Deron Williams 5: per entrambi sembra essere arrivato il capolinea.

potrebbe interessarti ancheNBA, anche Kobe Bryant dice la sua su LeBron James: “Contano solo i titoli vinti.”

NBA Finals: ai voti ai Golden State Warriors

Kevin Durant 9,5: mezzo voto in meno per via della scelta di prendere la strada più facile verso il titolo. Per il resto è sempre stato un fattore nella serie con la ciliegina del canestro decisivo in gara 3.
Stephen Curry 8,5: alla terza occasione gioca delle finali NBA da protagonista. Nel 2015 fu salvato da Iguodala, l’anno scorso fu pessimo.
Klay Thompson 8: la perfetta sintesi dei Golden State Warriors, sacrifica l’ego ai fini del bene della squadra. La sua difesa merita elogi a non finire.
Draymond Green 7: i soliti atteggiamenti che potrebbe tranquillamente evitare. Anche lui si sacrifica come Klay Thompson, resta il leader emotivo di questi Warriors.
Andre Iguodala 8,5: il dato del +60 di plus-minus durante le finali NBA 2017 spiega l’importanza dell’ex Philadelphia 76ers. La rubata nell’azione decisiva di gara 3 e i 20 punti in 38 minuti di gara 5 sono le testimonianzE perfette dell’importanza di Iguodala per questi Warriors.
Zaza Pachulia 5: sarà ricordato più per aver causato l’infortunio a Kawhi Leonard che per quanto fatto vedere in campo.

notizie sul temaNBA, Durant al veleno su LBJ: “Facile essere il migliore senza compagni forti”CLEVELAND, OH - JUNE 06: Stephen Curry #30 and Draymond Green #23 of the Golden State Warriors celebrate with Kevin Durant #35 against the Cleveland Cavaliers in the second half during Game Three of the 2018 NBA Finals at Quicken Loans Arena on June 6, 2018 in Cleveland, Ohio. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Jason Miller/Getty Images)Finals NBA, 4-0 di Golden State a Cleveland. Curry e i suoi ancora campioniNba Finals, Golden State batte Cleveland in gara 4. Il titolo è ancora suo
  •   
  •  
  •  
  •