Mercato NBA 2017: tutti gli ultimi colpi messi a segno

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini

mercato NBA 2017

Una notte molto impegnativa per il mercato NBA 2017 quella che è appena andata in archivio. Partiamo dai Miami Heat, che sono stati i più attivi di tutti nelle ultime ore. La franchigia della Florida ha messo a segno il colpo Kelly Olynyk. I Boston Celtics non erano riusciti a confermarlo dal momento che non avevano abbastanza spazio salariale dopo la firma di Gordon Hayward. Il centro era free agent e ad assicurarsi le sue prestazioni sono stati i Miami Heat, che gli hanno fatto firmare un quadriennale da oltre 50 milioni di dollari. Pat Riley si è anche assicurato il rinnovo di James Johnson con un accordo quadriennale da 60 milioni di dollari. Nella giornata di ieri era arrivato anche quello di Dion Waiters, il quale ha messo la firma su contratto di quattro anni. La guardia guadagnerà 52 milioni di dollari. L’ex Cleveland Cavaliers era inseguito anche dai Los Angeles Lakers e dai New York Knicks. Quest’ultimi si confermano ancora una volta la peggior squadra del mercato NBA 2017 visto che hanno appena offerto un contratto spropositato a Tim Hardaway JR: 71 milioni di dollari per i prossimi quattro anni. Il giocatore ha (ovviamente) accettato e gli Atlanta Hawks hanno 48 ore di tempo per pareggiare l’offerta e trattenere in squadra il ragazzo. La mossa dei Knicks ha ancora meno senso se si pensa che fu proprio NY a scegliere Tim Hardaway JR. al draft del 2013. Dopo una prima ottima stagione (scelto nel quintetto dei migliori rookie) il tiratore si perse totalmente nel suo secondo anno con prestazioni impresentabili nella metà campo difensiva e nell’estate del 2015 fu ceduto agli Atlanta Hawks. Dopo una prima annata difficile (con annesse presenze in D-League) il figlio del grande Tim iniziò a risalire la china, divenne la guardia titolare del quintetto di Atlanta dopo la cessione di Kyle Korver ai Cavs e chiuse la stagione con una media di 14.5 punti a gara, che comunque non giustificano un quadriennale da 71 milioni di dollari. Evidentemente il caso Joakim Noah non ha insegnato nulla alla dirigenza dei Knicks.

Mercato NBA 2017: si muovono i veterani

Il mercato NBA 2017 porta Vince Carter ai Sacramento Kings. Il giocatore più vecchio di tutta la lega (40 anni) andrà ad aggiungersi ad altri veterani come George Hill e Zac Randolph, che hanno scelto Sacramento come nuova tappa della propria lunga carriera. Un colpo a sorpresa del mercato NBA 2017 è quello dei San Antonio Spurs con Rudy Gay, che ha firmato un biennale da 17 milioni di dollari. L’ex Toronto Raptors non è un giocatore “da San Antonio” ma se Popovich riuscirà ad inserirlo nel sistema Spurs potrebbero esserci delle bellissime sorprese per i tifosi dei texani. Gli Houston Rockets sono sempre alla ricerca di un’ala piccola titolare e continuano a lavorare per ingaggiare Carmelo Anthony. C’è poi da raccontare dello sbarco di Milos Teodosic in NBA. Il play lascia il CSKA Mosca e firma con i Los Angeles Clippers un biennale da 12.3 milioni di dollari. Sono ancora senza squadra Rajon Rondo (interessa ai Knicks e ai Lakers) e Derrick Rose, che dopo aver parlato con i Milwaukee Bucks ora interessa molto ai Dallas Mavericks. Foto: mercato NBA 2017 bleacher report

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •