Deonthay Wilder, il guerriero dalla divisione Heavyweight

Pubblicato il autore: Simone Iannnello Segui

 

Deontay Wilder ha spazzato via ogni dubbio sul suo valore sul ring, mandando KO Luis Ortiz e difendendo la sua corona di campione WBC dei pesi massimi. Il grande ex campione dei massimi e conquistatore per ben due volte di Mike Tyson, Evander Holyfield ha investito Wilder come nuovo grande campione dei massimi americani. Holyfield intervistato da Fight Hub TV ha affermato: “Deontay ha fatto un ottimo lavoro sul ring, ha dimostrato di essere un vero campione nonostante sia stato colpito con molti colpi” e ancora “Deontay è un guerriero come lo ero io, si è vero non sembra sul ring un vero pugile ma un giocatore di basketball,  fa ancora tanti errori ma se colpisce puoi scommettere che ti manderà al tappeto.

potrebbe interessarti ancheAddio a Franco Cavicchi, grande campione europeo dei pesi massimi: il ricordo del Dall’Ara

Lou DiBella, manager di Wilder, ha condiviso il pensiero di Holyfield e ha aggiunto a fine match : “ La sua abilità nello sferrare colpi è la chiave che gli permette ancora di fare errori che altri pugili non possono permettersi di fare.”

La vittoria sul’imbattuto Ortiz, ha fatto ricredere molti sul conto di Wilder,  si lo stesso Wilder  ha ammesso più volte di non essere stilisticamente il più vicino alla perfezione nel mondo della boxe ma la sua potenza e il suo cuore sono abbastanza per sbaragliare tutta la concorrenza.

Wilder (40-0, 39 KOs) è una forza della natura, è dotato di un atletismo pazzesco con i suoi oltre 2 metri d’altezza e oltre centro Kilogrammi di peso. Wilder, nativo dell’Alabama ha vinto il bronzo olimpico alle olimpiadi del 2008, pur avendo iniziato a muoversi nel mondo della boxe solo a 21 anni. Deontay non era neanche interessato a combattere ma per procurare in fretta denaro per la giovane figlia malata decise di indossare i guantoni.

potrebbe interessarti ancheBoxe, Whyte vince ai punti contro Parker e si candida per una nuova chance mondiale contro Joshua

La forza che sprigiona il suo braccio destro è qualcosa di simile a quello che può essere trovata all’interno di un fumetto di fantascienza. Tutti i suoi avversari si sono dovuti arrendere di fronte a lui. Sabato per qualche momento il campione è stato messo in difficoltà da Ortiz durante il settimo round ma proprio il destro ha mandato sul canvas il corpo di Ortiz. Il pubblico della Barkley Center Arena di Brooklyn, New York è andato in visibilio, ricevendo lo spettacolo del KO, che tanto cercava.

Wilder vuole prendere il posto lasciato vuoto nella boxe americana dopo il ritiro di Floyd Mayweather e il suo urlo di battaglia sta ancora riecheggiando nelle tv americane. Il match con Ortiz è stato solo il preludio allo showdown con il vincente del match tra Anthony Joshua e Joseph Parker. L’inglese Joshua e il neozelandese Parker, infatti si sfideranno il 31 marzo per riunificare le loro corone di campione dei massimi e il vincente è destinato se vorrà essere riconosciuto come Undisputed Heavyweight Champion of the World, combattere e competere con The Bronze Bomber Deontay Wilder. 

“Come ho sempre detto il mio obiettivo è quello di essere l’unico campione del mondo e riunificare i titoli della divisione massimi”, queste sono state le parole di Wilder, che ha concluso: “Voglio dimostrare di essere il migliore, sono un guerriero. Gli Stati Uniti hanno un killer ha rappresentarli.”

notizie sul temaBoxe, Pacquiao-Matthysse: polemiche per il cambio di arbitroBoxe, Pacquiao Vs Matthysse : dove vedere il match in live streaming,15 luglio 2018Tyson Fury is back! Il 9 Giugno il ritorno sul ring
  •   
  •  
  •  
  •