Southampton, dal sogno alla realtà

Pubblicato il autore: Daniele Scalese Segui

pelle_3203624

 

potrebbe interessarti ancheEmiliano Sala, ancora polemiche. Ora si cerca il pilota David Ibbotson

Dopo l’ottavo posto dello scorso campionato, in molti, a Southampton, sognavano un ulteriore salto di qualità sotto la guida del nuovo tecnico Ronald Koeman. Ma, dopo un mercato estivo burrascoso, al St.Mary’s si cominciava a respirare aria di scetticismo. Le difficoltà finanziarie avevano costretto il club a privarsi dei migliori giocatori dell’organico, Luke Shaw, Adam Lallana, Dejan Lovre, Rickie Lambert e Calum Chambers, ceduti complessivamente per 120 milioni di euro qua e là in giro per l’Inghilterra. I nuovi volti, tra cui il portiere Forster, Bertrand e Anderweireld, non convincevano più di tanto lo stesso Koeman che lo sottolineava anche davanti alle telecamere, e già qualcuno ipotizzava un’annata drammatica che avrebbe potuto culminare nella retrocessione in Championship della squadra del Presidente Krueger.

Nonostante i dubbi tecnici e le sentenze delle Cassandre, a Southampton hanno continuato a lavorare duro e, in totale controtendenza rispetto alle previsioni, la squadra ha migliorato le già ottime performance dello scorso campionato tanto che oggi, dopo 9 giornate di Premier, i Saints sono secondi in classifica con 19 punti, soltanto a -4 dal primato. Merito di una difesa d’acciaio, la migliore del torneo con soli 5 goal incassati, merito di un’organizzazione di squadra che fa del Southampton una delle più compatte del torneo. E merito di Graziano Pellè, portato di forza in Premier da Koeman dopo le valanghe di goal in Eredivisie e che, al St. Mary’s, è già un idolo.

potrebbe interessarti ancheSouthampton-Chelsea, rimonta dei blues, grazie a Giroud

Memori dei fasti di quegli anni ottanta in cui i Saints vinsero una Fa Cup e sfiorarono il Titolo della Regina, a Southampton i tifosi tornano a sognare, anche perché questo Southampton fa già parte della storia: infatti, l’8-0 inflitto a metà ottobre al malcapitato Sunderland rappresenta la vittoria con maggiore scarto ottenuta dalla squadra nella sua esperienza in Premier League. Ora, se certamente nel corso del campionato emergeranno i reali valori tecnici del torneo, si può credere molto realisticamente che questo Southampton possa finalmente puntare ad una zona europea ambita da tempo. Chissà che questo non sia l’anno giusto.

 

notizie sul temaSouthampton che miniera d’oro! Van Dijk l’ultimo affare clamoroso, ecco tutti gli altri del recente passatoMercato Lazio: Hoedt al Southampton, il difensore ha già salutato i compagniMercato JuventusMercato Juventus, Garay e Cancelo per la difesa di Allegri. Lemina al Southampton
  •   
  •  
  •  
  •