Buon anno Premier League: il City è primo dopo il crollo del Chelsea!

Pubblicato il autore: Daniele Scalese Segui

1411712272_frank-lampard

 

Se la Premier League fosse un film, probabilmente sarebbe un thriller denso di colpi di scena inaspettati. Già, perché come i migliori film di quel genere, questo campionato è in grado di sorprendere ed affascinare oltre ogni aspettativa, e la conferma arriva da un ventesimo turno segnato da risvolti imprevedibili.

potrebbe interessarti ancheChelsea, Sarri si giustifica:”Non ho visto Guardiola”

Il 2015 di campionato inglese è inaugurato da un pareggio, quello del Britannia Stadium tra Stoke e Manchester United, dove è proprio un ex del settore giovanile dei Red Devils, Ryan Shawcross, a battere De Gea sugli sviluppi di un corner. Falcao, però, trova il pareggio con un tocco da attaccante consumato, e quell’1-1 resiste fino al 90esimo. Lo United conserva il terzo posto ma, da oggi, ha un solo punto di margine su un Southampton rivitalizzato e che batte a domicilio l’Arsenal per 2-0: a decidere un match di importanza primaria per la lotta che porta all’Europa, oltre alle incertezze di Szczęsny (né le prime né le ultime), ci pensano Mané (goal alla Vieri da fondo campo) e Tadic.

Ma le emozioni migliori, la giornata numero 20 le regala ai piani altissimi della classifica, dove il City, avanti 2-0 contro il Sunderland grazie ai goal di Toure (destro al sette) e Jovetic (di tacco), rivive gli incubi dello scorso turno subendo la rimonta dei Blackcats (firmata Rodwell e Johnson, ovviamente, entrambi ex). È Lampard, di testa, a restituire il sorriso all’Etihad ed a lanciare il City in testa alla Premier League, questo perché al White Hart Lane di Londra, il Chelsea, in vantaggio col solito Diego Costa, viene travolto da un Tottenham straripante che ribalta la gara con Kane (doppietta per il ragazzino terribile), Rose, Townsend e Chadli: i goal di Hazard e Terry (terzo centro consecutivo per J. T. ) servono solo alle statistiche, ed il 5-3 finale regala il quinto posto agli Spurs.

Questo folle 1° gennaio verrà ricordato anche per le emozioni di Anfield, dove il Liverpool dilapida il 2-0 parziale siglato dalla doppietta dell’eterno Gerrard e subisce la rimonta del Leicester ultimo ma tutt’altro che rassegnato (segnano Nugent e Schlupp), ma anche per il palpitante 3-3 tra Newcastle e Burney (Taylor, Colback e Sissoko per i Magpies, Dummet, Ings e Boy per gli ospiti). Finisce 1-1 tra West Ham (in flessione) e WBA (al solito Sakho risponde il solito Berahino), e termina con lo stesso risultato QPR-Swansea, ma solo grazie allo squillo di Bony, che pareggia a pochi istanti dal gong il vantaggio di Fer. Se Aston Villa e Crystal Palace non vanno oltre lo 0-0, l’Hull City coglie 3 punti determinanti schiantando un Everton irriconoscibile (finisce 2-0 e per i Tigers segnano El Mohamady e Jelavic).

potrebbe interessarti ancheSan Paolo semivuoto per Napoli-Sampdoria. Tifosi delusi?

Insomma, tra goal (33) ed emozioni (come si fa a contarle?), questo turno ci ha innegabilmente entusiasmato e, se queste sono le premesse, in questo 2015 ci sarà da divertirsi. Come sempre, d’altronde, in Premier League.

 

notizie sul temaAntonio Conte: niente offerte dall’ItaliaHiguain, esordio da incubo con Sarri. I tifosi del Chelsea: “Non era meglio Piatek?”Premier League, 24.a giornata: turno infrasettimanale con Manchester City, Chelsea e Liverpool in diretta su Sky
  •   
  •  
  •  
  •