Da Maradona a Cannavaro, il calcio italiano celebra la Hall of Fame

Pubblicato il autore: Leandro Bianco Segui

L’ex stella del Napoli tra le leggende del calcio italiano insieme al pallone d’oro 2006. Fra i vincitori della Hall of Fame 2014/2015 anche il tecnico del Real Ancelotti e il dirigente della Juve Marotta

Da Maradona a Cannavaro, il calcio italiano si prepara a celebrare la sua “Hall of Fame“, giunta ormai alla sua quarta edizione. Il premio è stato istituito dalla FIGC e dalla Fondazione Museo del Calcio nel 2011 per celebrare le figure che, in differenti ruoli e differenti epoche, hanno segnato la storia del calcio italiano. Lunedì 19 gennaio alle ore 12.00 nella “Sala d’Arme” di Palazzo Vecchio a Firenze si svolgerà la cerimonia di consegna dei premi ai vincitori dell’edizione 2015. Fra i nomi che ne entreranno a far parte quest’anno, annunciati dalla giuria lo scorso ottobre, sicuramente spicca quello dell’ex stella del Napoli Diego Armando Maradona (inserito nella categoria stranieri). Insieme a lui vi sono l’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti (allenatore italiano), Giuseppe Marotta (dirigente italiano), Stefano Braschi (arbitro italiano), Sandro Mazzola (veterano italiano), Fabio Cannavaro (come giocatore di calcio italiano) e Carolina Morace (alla quale, su proposta della Figc, è stato assegnato il premio per la categoria calcio femminile, istituita quest’anno). Gli ultimi due però non presenzieranno alla cerimonia a causa di impegni presi precedentemente. Interverranno all’evento, tra gli altri, il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ed il sindaco di Firenze Dario Nardella. Nel corso della cerimonia, i premiati consegneranno un cimelio simbolico della loro carriera che andrà ad arricchire la sezione “Hall of Fame” del Museo del Calcio.
Inoltre la Commissione della Hall of Fame, composta dal presidente dell’Ussi Luigi Ferrajolo e dai direttori delle testate giornalistiche sportive nazionali Claudio Brachino (Sport Mediaset), Giovanni Bruno (Sky Sport), Enzo Bucchioni (Quotidiano Sportivo), Riccardo Cucchi (Responsabile Servizi sportivi Radio Rai), Paolo De Paola (Il Corriere dello Sport), Matteo Marani (Il Guerin Sportivo), Andrea Monti (La Gazzetta dello Sport), Vittorio Oreggia (Tuttosport) e Carlo Paris (Rai Sport), ha assegnato il premio alla memoria a Ferruccio Novo, Carlo Carcano e Giacomo Bulgarelli.

Fanno già parte della Hall of Fame del calcio italiano: Roberto Baggio, Paolo Maldini Franco Baresi (giocatori italiani), Michel Platini, Marco Van Basten e Gabriel Omar Batistuta (giocatori stranieri), Marcello Lippi, Arrigo Sacchi, Giovanni Trapattoni e Fabio Capello (allenatori italiani), Adriano Galliani, Giampiero Boniperti e Massimo Moratti (dirigenti italiani), Pierluigi Collina, Luigi Agnolin, Paolo Casarin, Sergio Gonella e Cesare Gussoni (arbitri italiani), Gigi Riva, Dino Zoff e Gianni Rivera (veterani italiani).

Per quanto riguarda gli attuali premi alla memoria della Hall of Fame del calcio italiano, figurano invece i nomi di Giuseppe Meazza, Giovanni Ferrari, Silvio Piola, Gaetano Scirea, Angelo Schiavio, Valentino Mazzola, Eraldo Monzeglio (calciatori); Artemio Franchi, Ottorino Barassi (Dirigenti); Vittorio Pozzo, Enzo Bearzot, Ferruccio Valcareggi, Fulvio Bernardini, Nereo Rocco (allenatori); Giovanni Mauro, Concetto Lo Bello (arbitri).

Cliccando qui potete vedere le schede di tutte le stelle della Hall of Fame del calcio italiano

 

 

  •   
  •  
  •  
  •