Milan, Diego Lopez: “Sentiamo l’obbligo di tornare in Champions”

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

milan diego lopezMomento di bilanci in casa Milan: è il turno del portiere Diego Lopez, arrivato in estate dal Real Madrid. Ai microfoni di Sky Sport lo spagnolo ha spiegato quanto vale questo Milan: “Sentiamo l’obbligo di tornare in Europa e in Champions – ha dichiarato Diego Lopez – nell’ultima settimana di campionato con 4 punti tra Roma e Napoli abbiamo capito che non siamo inferiori a nessuno, e psicologicamente abbiamo raggiunto la consapevolezza di essere da terzo posto”. Il bicchiere è perciò mezzo pieno: “Il bilancio è positivo, sono molto felice nel Milan e in questa squadra – ha chiosato Diego Lopez – speriamo tutti che questa possa essere una grande stagione”. L’ex blancos si è dimostrato comunque realista circa le priorità dei rossoneri: “Tornare in Europa è una necessità. Noi giocatori dobbiamo insistere, ma non pensando al 31 maggio. Dobbiamo pensare partita dopo partita, i prossimi due mesi saranno fondamentali”. E la guida tecnica, quella di Pippo Inzaghi, piace molto al numero uno: “Ha vinto tanto, è un grande professionista ed ha tutta l’esperienza per diventare un grande allenatore”.

potrebbe interessarti ancheMaldini-Milan, è già finita? Divergenze con Gazidis per il dt rossonero

Infine due pensieri sul passato, seppur vicino. Il primo per il connazionale Fernando Torres, appena passato all’Atletico Madrid in cambio di Cerci:: “E’ un grande professionista, ha lavorato molto per lui e la squadra, ma in campo non è andata bene ed è arrivata questa decisione condivisa da lui e dal Milan. Da amico, gli auguro il meglio. Il gruppo perde un uomo con caratteristiche umani e professionali formidabili”. Il secondo sulla vittoria della Champions League con il Real Madrid: “Mi sono sentito partecipe nonostante il titolare fosse Casillas, ma ero parte della rosa”. Diego Lopez, nato a Paradela nel 1981, ha iniziato la carriera nel Real Madrid C per poi passare all’Alcorcon, ancora Real Madrid C, quindi RM Castilla, poi Real Madrid, Villareal, Siviglia, Real Madrid e infine Milan. Complessivamente ha giocato 323 partite subendo 392 gol, più di uno a match. Nel 2009 ha anche esordito con la nazionale spagnola contro la Macedonia, ma quella è rimasta la sua unica presenza. Davanti a sé ha ancora 4-5 di alto livello che spera possano portargli altri trofei in bacheca, magari proprio con la maglia del Milan.

potrebbe interessarti ancheIl Coronavirus ferma la serie A; la situazione dopo 25 giornate

notizie sul temaCorona virus, giocare a porte chiuse sarebbe la migliore soluzione?Fiorentina-Milan, precedenti e statisticheProbabili Formazioni Serie A 24esima giornata:Correa preferito a Caicedo, Atalanta con Zapata dal 1′
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: