Gabriele Gravina: “Lega Pro a 60 squadre”, verso altre 6 promozioni dalla serie D ?

Pubblicato il autore: Alessandro Impellizzieri Segui

Lega proI play-off a fine stagione potrebbero valere di più. Arriva la fumata bianca per l’elezione del nuovo presidente di Lega Pro, secondo quanto riporta TuttoMercatoWeb è Gabriele Gravina il nuovo presidente della Lega Pro: per lui sono arrivati 31 voti, 13 voti per Pagnozzi, 7per Marcheschi, 2 schede nulle. Cosa cambia adesso? Ecco il programma presentato qualche giorno fa alla Gazzetta dello Sport. “Cononosco i problemi della Lega Pro e sono pronto a risolverli”. Tante le proposte di Gravina per la nuova Lega Pro, maggiore partecipazione dei club, comitati territoriali, un consiglio direttivo realmente governativo, ritorno a 60 squadre e playoff allargati.

E dunque spunta l’ipotesi di altre 6 promozioni dalla serie D per far tornare il campionato a 60 squadre, niente blocco delle retrocessioni, per salvaguardare il campionato, dunque l’ ipotesi più probabile per far tornare il campionato di Lega Pro da 54 a 60 squadre è quello di allargare le promozioni dalla serie D da 9 a 15 (nove dalle squadre prime in classifica dei 9 giorni  e altre 6 dai play-off), le nuovesei promozioni farebbero contenti alcune piazze importanti che sono in ritardo dal primo posto in classifica (Monza, Taranto e Reggio Calabria), ma prima bisogna trovare un accordo tra la Lega Pro presieduta da Gravina e la Lega Dilettanti presieduta da Cosentino, l’ ipotesi dei play-off con le 6 promozioni in Lega Pro in palio sarebbe questa,I° Fase (Semifinali di Girone)

Partecipano a detta fase le società classificate al 2°, 3°, 4° e 5° posto in ciascuno dei singoli gironi in cui si articola il Campionato di Serie D; dette Società si incontreranno in gara unica secondo i seguenti abbinamenti:

squadra classificata al 2° posto contro squadra classificata al 5° posto

squadra classificata al 3° posto contro squadra classificata al 4° posto

In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, saranno effettuati i tempi supplementari; persistendo la parità accederà alla fase successiva, la società meglio classificata al termine del campionato. Nella ipotesi che al termine del Campionato si verifichino situazioni di parità fra due o più squadre aventi titolo a partecipare alla fase dei Play-off (2°, 3°, 4° e 5° posto) la relativa classifica sarà stabilita tenendo conto nell’ordine:

– dei punti conseguiti negli incontri diretti fra tutte le squadre

potrebbe interessarti ancheArezzo-Juventus U23 1-2 (Video Gol Highlights): Mota-Clemenza, primo successo per Pecchia

– della differenza tra reti segnate e subite nei medesimi incontri

– della differenza tra reti segnate e subite nell’intero Campionato

– del maggior numero di reti segnate nell’intero Campionato

– della migliore posizione nella classifica della Coppa Disciplina di Serie D

– del sorteggio

Nella ulteriore ipotesi che alla conclusione del corrente Campionato si verifichino situazioni di parità fra due società classificate all’ultimo posto utile per la qualificazione dei Play Off, la squadra ammessa sarà determinata secondo i medesimi criteri innanzi indicati giusta quanto disposto dall’art. 51 comma 6 delle N.O.I.F..

potrebbe interessarti ancheBari-Reggina 1-1 (Video Highlights): nel posticipo della 4.a giornata pareggio tra pugliesi e calabresi

II° Fase ed ultima fase (finale di girone)

Partecipano a detta fase le vincenti della I° fase, che si incontreranno in gara unica sul campo della società che, al termine del campionato, avrà occupato nelle rispettive classifiche di girone, la migliore posizione. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, saranno effettuati i tempi supplementari; persistendo la parità accederà la società meglio classificata al termine del Campionato.

Gli incassi delle gare saranno distribuiti in parti uguali alle due società al netto delle spese, che non dovranno superare il 15% dell’incasso totale. Le modalità e tutte le disposizioni relative all’organizzazione delle suddette gare, saranno impartite dal Dipartimento Interregionale e comunicate alle società interessate prima delle stesse. Per quanto non contemplato si fa espresso riferimento a quanto previsto dall’art. 51 delle N.O.I.F.

Poi le vincenti dei play-off e la vincente della Coppa Italia Dilettanti si sfidererebbero in cinque sfide incrociate (tipo vincitore play-off girone H contro vincitore play-off girone I) in gara unica e in campo neutro per decidere le altre cinque promozioni in Lega Pro, le perdenti delle cinque sfide incrociate più la perdente della finale di Coppa Italia Dilettanti daranno un tabellone play-off per decidere la sesta promossa in Lega Pro dai play-off, le gare saranno in gara unica e la finale in campo neutro.

E per la Lega Dilettanti sarebbe un bene le altre 6 promozioni in Lega Pro attraverso i play-off, anche per far diminuire le partecipanti alla prossima serie D 2016-2017, (Quest’anno con le squadre in soprannumero e i pasticci Forlì, San Marino e Gelbison, le partecipanti sono 171!!!).

 

notizie sul temaImolese-Modena 0-1: prima vittoria per i canariniCesena-Triestina 3-2 (Video Highlights): un rigore di Serao al 90′ regala tre punti ai romagnoliCatanzaro-Sicula Leonzio 3-1 (Video Highlights): bella vittoria dei calabresi che si portano al primo posto in classifica
  •   
  •  
  •  
  •