Pato, il ritorno. Il Chelsea l’ultima occasione per tornare tra i grandi

Pubblicato il autore: Francesco Serrone Segui

alexandre-pato-chelsea-shirt-cobham-press-presser_3407755Ci riprova. A 26 anni Alexandre Pato tenta una nuova scalata per raggiungere l’Olimpo dei grandi campioni. Probabilmente l’ultima a disposizione. Dopo un proficuo triennio in Brasile Il Papero dovrà ora confrontarsi con alcune delle migliori difese del mondo, sui campi di quella Premier League che tanti giocatori e allenatori ritengono al momento come il campionato più affascinante e allo stesso tempo più difficile. Lo farà con la maglia del Chelsea (è arrivato per esplicita volontà di Guus Hiddink) che lo ha preso in prestito dal Corinthians. Quattro mesi per riscrivere una carriera, quattro mesi per aiutare a risollevare i campioni d’Inghilterra che stanno cercando faticosamente di risalire la china dopo le polemiche e le tensioni della prima parte di stagione e che hanno portato all’addio di Josè Mourinho. Il Papero potrebbe fare il suo esordio con la maglia dei Blues già domani pomeriggio in occasione dei sedicesimi di finale di Fa Cup, contro il Milton Keynes. Competizione a cui Hiddink tiene particolarmente visto che garantisce la qualificazione all’Europa League e di cui vorrebbe bissare il successo del 2009 raggiunto sempre col club londinese. Probabile che Pato parta dalla panchina per poi entrare a gara in corso.
Un talento cristallino quello del giovane verdeoro ma che non ha mai potuto trovare continuità di rendimento a causa dei tanti infortuni che ne hanno costellato la carriera, specie nei sei anni trascorsi al Milan (dal 2007 al 2013, ndr). Colpa di una muscolatura potente ma fragile scrisse qualcuno, colpa dello staff sanitario rossonero accusò il giocatore una volta tornato in patria che lo avrebbe sottoposto ad eccessivi carichi di lavoro per velocizzarne il recupero. Con la maglia del Milan Pato ha vinto uno scudetto e una supercoppa, realizzando 63 reti in 150 presenze ma l’ultimo anno e mezzo nel capoluogo lombardo l’ha trascorso quasi tutto in infermeria facendo parlare di sé più per la sua love story con Barbara Berlusconi che per le sue giocate.
Dopo il ritorno in patria nel gennaio 2013 Il Papero ha ricominciato a giocare, recuperando condizione e fiducia nei propri mezzi. E tornando a fare quello che è il compito primario di ogni attaccante che si rispetti: il gol. Ne ha realizzati 39 in 102 partite con la maglia del San Paolo, club a cui il Corinthians lo ha dato in prestito nelle ultime due stagioni. Ora è arrivato il momento di una nuova e più stimolante sfida. Dimostrare nuovamente a tutti di essere in grado di fare la differenza in Europa. E riconquistare un posto nella nazionale brasiliana. 

potrebbe interessarti ancheLampard-Chelsea: il dopo Sarri potrebbe essere lui
potrebbe interessarti ancheChelsea: Lampard sostituirà Sarri, avviate le trattative

notizie sul temaSarri è il nuovo allenatore della Juve, delusione a NapoliChelsea – Arsenal 4-1 (Video Highlights): poker dei Blues, primo trofeo per SarriChelsea, lite Higuain-Luiz: Sarri lascia il campo
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: