FA Cup, arrestato tifoso per aver colpito il capitano della propria squadra

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui

Arrestato l’uomo che aveva colpito, durante un match di FA Cup valevole per i quarti di finale, il capitano del West Bromwich Albion, Chris Brunt. La Thames Valley Police conferma che l’arresto è stato fatto a seguito di un’operazione congiunta con la polizia dell’Hampshire. La squadra inglese, dal canto suo, ha già fatto sapere che sarà molto rigida nell’imporre la propria sanzione contro l’autore del reato.

La partita in questione è Reading – WBA, terminata 3-1 a favore dei padroni di casa. L’episodio si è verificato al termine della partita, quando capitano dei Baggies e i suoi compagni di squadra si sono diretti verso il settore ospiti per salutare la propria tifoseria. Qui scatta l’ira dei tifosi, che hanno iniziato a contestare pesantemente la propria squadra, tanto che, uno di loro, ha colpito al volto il capitano con una monetina, sfiorando il suo occhio sinistro.

Certamente, un triste episodio, che lascia l’amaro in bocca a Brunt, il quale commenta senza mezzi termini: “Se le persone vanno a vedere una partita e pensano che sia accettabile lanciare monete o altri oggetti verso i giocatori, allora questo mi disgusta. Questi episodi fanno male ad una squadra di calcio, che dovrebbe essere festeggiata quando le cose vanno per il meglio e incoraggiata quando le cose vanno meno bene dai propri tifosi. Alla nostra squadra non si può imputare nulla, abbiamo dato tutto quest’oggi. Purtroppo non è bastato. Nel calcio, come in tutti gli altri sport, si vince e si perde“.

potrebbe interessarti ancheMourinho, affidarsi a lui non è più un grande affare
Il capitano del WBA, Brunt, colpito da una moneta

Il capitano del WBA, Brunt, colpito da una moneta

La Federazione inglese, molto rigida e severa quando avvengono episodi di questo tipo, si è subito mobilitata per scovare il tifoso colpevole che, nel corso del pomeriggio è stato individuato e posto in stato di fermo.

Curiosamente, il giorno successivo, a Stamford Bridge, stadio di proprietà del Chelsea, è avvenuto un episodio simile. Sempre durante il match di FA Cup, Chelsea – Manchester City, dominato per 5-1 dai padroni di casa, il giocatore dei Citizens Faupala, durante l’esultanza per il momentaneo 1-1, è stato colpito da un accendino. Anche in questo caso si è giunti all’arresto.

potrebbe interessarti ancheChelsea, Sarri offre 23 milioni al Brescia per Tonali

Conoscendo il sistema calcistico inglese, questi due tifosi non entreranno per molto tempo in uno stadio britannico. Infatti, la loro legge prevede che, sulla base di una condanna legata a questi reati un tifoso può ricevere dalla federazione un provvedimento restrittivo che gli impedisca di recarsi allo stadio per un periodo compreso tra tre e dieci anni. I provvedimenti sono modellabili sulle abitudini del condannato. Tuttavia, negli stadi di proprietà ciascuna squadra può decidere – autonomamente – di assumere provvedimenti più severi nei confronti di un proprio tifoso, senza bisogno di consultare l’autorità pubblica. Celebre il caso di un abbonato del Manchester United, sospeso a tempo indeterminato perchè presentatosi ad un match della propria squadra del cuore con una lattina di birra.

Chiudiamo con un dato curioso, che la dice lunga sulla minoranza di coloro i quali si recano allo stadio e non adottano un comportamento adeguato. In Inghilterra, gli arresti per reati collegati alle partite di calcio hanno riguardato, nella stagione passata, 2.372 persone, meno dello 0,01 per cento degli spettatori totali.

notizie sul temaChelsea, “Contro il razzismo, corsi di recupero e visite ad Auschwitz per i tifosi”La favola di Davide Lorenzo: da cameriere a Nizza al provino con il LeicesterLiverpool-Manchester City streaming live e diretta tv, Premier League oggi ore 17.30
  •   
  •  
  •  
  •