Caressa contro Shaw: la morale di chi non può far morali

Pubblicato il autore: Simone Meloni Segui


“Speravo che si strozzasse!”
.
Non è l’eco di una lite da cortile nella periferia di Roma, ma il poco elegante “guaito” di Fabio Caressa a Sky, mentre parla del portiere del Sutton Wayne Shaw davanti a un’interdetta Roberta Noè. Al noto presentatore non è andato proprio giù il siparietto consumatosi durante la sfida di FA Cup contro l’Arsenal, in cui il portiere extralarge ha pensato di deliziare il pubblico divorando un panino.
Per quanto vada detto che lo spettacolino offerto da Shaw gli sta procurando diversi grattacapi (sembrerebbe infatti che il tutto sia stato messo in scena d’accordo con l’agenzia di scommesse che sponsorizza il club) il livore di Caressa appare quanto meno esagerato. Soprattutto se si pensa agli spettacoli – davvero poco edificanti – che spesso si trova a commentare nella nostra Serie A (tra partite noiose, risultati scontati e livelli tecnici ormai prossimi allo zero) e per i quali molto difficilmente utilizza toni tanto dispregiativi. 

È un obeso che è andato a bere al pub prima della partita e ha mangiato un panino all’82’. Questa è una dell’immagini più schifose e inutili che io abbia mai visto in un campo di calcio”. Addirittura, verrebbe da dire? A prescindere dal motivo per cui Shaw abbia ingurgitato quel sandwich, veramente questa è la peggior cosa che Caressa abbia visto su un rettangolo verde? Eh sì che in molti pensavamo di aver visto e sentito di peggio. Ad esempio durante le sue telecronache, con i suoi nomignoli e i suoi termini anglofoni e spagnoli (spesso presi di sana pianta da altri sport) del tutto inutili e fuori luogo. Nonché diseducativi e volti a peggiorare l’utilizzo – già spesso distorto e approssimativo – della lingua italiana. Così come le urla ad ogni azione (anche quella più innocua) degne del miglior sport americano o della peggiore televendita di una tv privata.

potrebbe interessarti ancheEintracht-Arsenal 0-3: Gunners sul velluto in Germania (video highlights)

“Non è un idolo, è un ciccione – ha continuato -. Non ce l’ho con i ciccioni ma queste immagini non aiutano chi ha disordini alimentari. Non facciamo che per motivi pubblicitari devo vedere queste schifezze. Qui si è varcato il limite: voglio una multa per il Sutton e la radiazione del giocatore. Se è vero che c’è stata una scommessa sul panino no deve più mettere piene in un campo di calcio”. Un J’accuse duro e sentito. Peccato che le stesse parole, la stessa fermezza e la stessa moralità siano spesso mancate nelle molteplici volte che il calcioscommesse o altre piaghe simile hanno attanagliato il calcio italiano. Se poi si vuol per forza scendere sul piano di cosa sia giusto o meno per chi è afflitto da disturbi alimentari andrebbe ricordato al signor Caressa (sempre quello che nelle sue telecronache fa sfoggio di termini raccolti da questo o quell’altro idioma) che la parola “ciccione” non è certamente edificante. Soprattutto se detta in un contesto televisivo visto da migliaia di persone. Un linguaggio consono a un intervallo scolastico o a una rimpatriata tra vecchi e guasconi amici, ma non a un personaggio che da solo si è ormai eretto a moralizzatore delle folle.

potrebbe interessarti ancheWatford-Arsenal 2-2: Aubameyang illude, gli Hornets rimontano i Gunners (video highlights)

Forse – chi lo sa – i modelli che più si confanno al Caressa di turno sono quei giocatori impomatati e vestiti in giacca e cravatta anche sul rettangolo verde. I Neymar di turno, attenti alla manicure quanto al taglio dei capelli per apparire lindi e pinti di fronte alle telecamere. Intanto, se proprio così dev’essere, ci piacerebbe recuperare il decoro durante le telecronache e le trasmissioni sportive: basta urla sguaiate e umiliazione della lingua italiana. Meritevoli davvero di radiazioni e messa alla gogna in pubblica piazza.

notizie sul temaFiorentina-Arsenal Femminile 0-4 (Video Gol Highlights): poker inglese al Franchi, viola quasi fuoriRoma, Mkhitaryan: “Non ho paura della pressione”Arsenal-Tottenham 2-2: gli Spurs di Pochettino si fanno rimontare due reti
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: