Italia-Albania, la gara dei record: da Buffon al c.t. Ventura

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano


Italia-Albania, gara valevole per le qualificazioni al Mondiale 2018 vinta 2-0 dagli azzurri, non verrà ricordata soltanto per le intemperanze dei tifosi ospiti che hanno costretto la sospensione del match per 8′ a causa del lancio dei fumogeni. Italia-Albania verrà ricordata soprattutto per due record importanti fatti registrare dagli uomini simbolo di questa Nazionale: vale a dire il portiere e capitano dell’Italia Gianluigi Buffon e il commissario tecnico Giampiero Ventura.
Buffon nella giornata di ieri ha raggiunto il traguardo delle 1000 presenze in partite ufficiali in carriera tra squadre di club (220 con il Parma e 612 con la Juventus) e Nazionale maggiore (168, senza contare i 24 gettoni di presenza raccolti con le giovanili azzurre), diventando il secondo italiano a riuscire nell’impresa dopo Paolo Maldini.
Il capitano azzurro è diventato così il giocatore della federazione UEFA con il maggior numero di presenze (168) con la propria Nazionale, superando il portiere della Spagna Iker Casillas (fermo a 167).

COERENZA VENTURA – Altro protagonista della serata è stato il c.t. Ventura, che si è distinto per una scelta particolare: non effettuare alcuna sostituzione nell’arco dei 90 minuti. L’ultima volta era avvenuto 27 anni fa, in un Cipro-Italia del 22 dicembre 1990, gara valevole per le qualificazioni all’Europeo 1992 vinta 4-0 dall’Italia: anche quella volta l’allenatore Azeglio Vicini ritenne opportuno lasciare in campo l’undici che aveva iniziato l’incontro.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •