Esclusiva, Birindelli: “La Juve ha le stesse chance del Barcellona in Champions League”

Pubblicato il autore: Alessio Pompili Segui

La maxi sfida di Champions League tra Juventus e Barcellona valida per l’andata dei quarti di finale è alle porte e SuperNews ha deciso di parlarne con uno che la maglia bianconera l’ha indossata quasi duecento volte, passando anche per la Nazionale. Parliamo di Alessandro Birindelli, alle Juve dal 1997 fino al 2008, al quale abbiamo chiesto quali sono le sensazioni per questo importantissimo doppio confronto contro il Barcellona di Messi e Neymar, sfida che vale il passaggio alle semifinali di Champions e che offre ai bianconeri la possibilità per prendersi una clamorosa rivincita dopo quella sconfitta nella finale di Berlino 2015

Quante chance ha la Juventus di passare il turno in Champions League contro il Barcellona?
Per me ha le stesse chance del Barcellona. Quando arrivi ai quarti di finale si affrontano le squadre migliori, sia a livello di rosa, sia a livello di esperienza che di qualità. Credo che la Juve abbia le pari possibilità del Barcellona, quindi, direi un 50 e 50.

Sempre in ottica qualificazione, quanto pesa il 6-1 inflitto proprio dal Barça al PSG nella testa dei tifosi e dei giocatori rossoneri?
Il Barcellona ci ha abituato nel corso di questi anni a risultati e imprese importanti. Poi bisogna vedere come le ha fatte, come la squadra avversaria ha affrontato quella partita, ci sono tante componenti. Credo che arrivati a questo punto ci sia poco da pensare quanto invece da parte dei giocatori di mettere tanto impegno all’interno della partita, così come per lo staff tecnico con l’allenatore in primis che dovrà essere bravo a preparare al meglio la partita, senza tralasciare e dare per scontato niente perché questa è una squadra, il Barcellona, che ha nei proprio giocatori qualcosa di fenomenale. Non per niente è la squadra più forte al mondo che negli ultimi dieci anni ha vinto tutto.

potrebbe interessarti ancheLIVE Juventus Calciomercato: De Ligt arriverà a Torino stasera, Everton preme per Mandzukic, Chiesa vuole la Juve

Rispetto alla finale di Berlino 2015, cosa hanno in più e cosa hanno in meno le due squadre?
Il Barcellona più o meno è la stessa squadra, con esperienza in più e con qualche giocatore con caratteristiche un pochino diverse anche se le soluzioni in attacco son sempre le stesse. Io credo che qualcosa in più porti la Juventus in questa partita perché rispetto a due anni fa ha dei giocatori e un gruppo più esperto per affrontare questo tipo di partite e con una rosa molto più completa e ampia, con più soluzioni da mettere in campo non solo all’interno della partita ma anche nel doppio confronto.

Sarà una sfida tra gli attacchi e le difese. La retroguardia della Juve la migliore della Serie A, il reparto offensivo dei blaugrana il migliore della Liga. Quale dei due avrà la meglio?
Dipenderà tanto dalle due squadre in generale e dalle condizioni dei giocatori. Io penso una cosa, nelle partite la differenza la fa chi vince i duelli e in questa partita conteranno tanto. La squadra che ne vincerà di più alla fine avrà la meglio.

Dybala e Higuain titolari entrambi o uno dei due entrerà a partita in corso?
A cose normali credo che la scelta possa essere quella delle ultime partita, con Dybala dietro a Higuain con Cuadrado e Mandzukic. Poi anche in base allo stato di forma dei giocatori credo che Allegri deciderà all’ultimo momento.

potrebbe interessarti ancheChiesa ha chiesto la cessione! La Juventus lo aspetta

Chiellini ritrova Suarez dopo quel morso durante Italia-Uruguay di Brasile 2014. Cosa dobbiamo aspettarci dai due giocatori?
L’importante è l’agonismo, quello va bene. Anche i contrasti duri ci possono stare però secondo me deve rimanere tutto nei limiti. Il morso non è stato un gesto simpatico, né da vedere né tantomeno per il calciatore stesso. Mi piacerebbe ricordare Suarez per le sue prestazioni e per i suoi gol, non contro la Juventus (ride ndr) ma per tutto il resto perché secondo me è uno degli attaccanti più forti al mondo.

Allegri è destinato a rimanere alla Juventus?
Ho sentito le parole di Marotta negli ultimi tempi e credo che da parte della società ci sia la volontà di confermare Allegri. Poi, in generale, da parte di un allenatore subentrano tante idee e dubbi perché dopo tanti anni la decisione di andar via o restare dipende anche da quanto può ancora incidere quell’allenatore sui suoi giocatori, se questi lo sopportano ancora dopo tanto tempo che vedono sempre la stessa faccia, oppure su quante motivazioni ci sono ancora sapendo che magari col passare del tempo si cade nella normalità, in quella routine che può diventare deleteria per i risultati della squadra. Credo che queste saranno le valutazioni che stanno facendo un po’ tutti.

In base a queste valutazioni, dovesse partire Allegri chi sarebbe il candidato migliore per sostituirlo? Il nome di Spalletti può essere quello giusto?
Io sinceramente non sono in grado adesso di dire chi potrà sostituirlo. Ci sono diversi allenatori quest’anno, sia all’estero che in Italia che hanno del mercato. Ci saranno dei cambiamenti, di questo sono certo, però darti un nome… Ti posso dare una mia simpatia, semmai Spalletti decidesse di andar via dalla Roma credo che potrebbe essere un allenatore, per esperienza e per carisma, adatto alla Juventus. Poi ripeto, questa è una mia fantasia.

notizie sul temaCristiano Ronaldo e la tentazione California: i Galaxy ci provanoKean-Inter: la Juventus potrebbe sacrificarlo per IcardiMandzukic-Bayern: il club tedesco esclude il suo ritorno
  •   
  •  
  •  
  •