Coppa Italia Juventus-Lazio, conferenza stampa Inzaghi-Biglia: “Daremo del filo da torcere alla Juve”

Pubblicato il autore: Concetta Manuppelli Segui
Lazio: l'allenatore Inzaghi e il centrocampista Biglia nel corso della conferenza stampa a poche ore dalla Finale di Coppa Italia

Lazio: l’allenatore Inzaghi e il centrocampista Biglia nel corso della conferenza stampa a poche ore dalla Finale di Coppa Italia

A poche ore dalla finale di Coppa Italia Juventus-Lazio che si disputerà stasera, l’allenatore Simone Inzaghi e il centrocampista Lucas Biglia della Lazio, hanno partecipato ad una conferenza stampa, nel corso della quale hanno rilasciato delle dichiarazioni in merito alla finalissima che la squadra laziale giocherà contro la Juventus.
A tale proposito, Inzaghi ha sottolineato: “Sappiamo che è una partita importantissima per noi, che ci siamo guadagnati sul campo, perché nessuno ci ha regalato niente. Abbiamo fatto ottimi match, abbiamo battuto il Genoa, l’Inter in trasferta, il doppio confronto con la Roma. Ce la giocheremo nel migliore dei modi.”
Durante la conferenza stampa, l’allenatore della Lazio si è espresso anche in merito al come i giocatori della squadra da lui allenata, affronteranno una sfida così decisiva, contro una squadra del calibro della Juventus, dichiarando: “Si preparano da sole (riferito alle partite). Quello che ho chiesto ai miei giocatori è di avere la mente libera, di giocare con la solita umiltà. Poi vedremo sul campo, sulla carta la Juve è favorita. Ma nella partita secca, con la giusta interpretazione può succedere di tutto.”
Inzaghi, inoltre, sempre riguardo al come la squadra laziale cercherà di giocarsi la partita nel tentativo di uscire vittoriosa contro i bianconeri ha sottolineato: “Dovremo fare la partita perfetta. L’abbiamo già incontrata (riferito alla Juventus), in campionato qui avevamo fatto una buona gara senza rischiare nulla, poi alla prima disattenzione segnò Khedira. Allo Stadium meritano di perdere. Giochiamo in uno stadio abituale per noi, vorremmo fare una partita da Lazio. Solo così possiamo giocarcela.”
Lo stesso Inzaghi, in conferenza stampa ha anche detto: “Conta l’interpretazione, so di avere una squadra matura. Incontreremo la Juve, adesso non abbiamo indicazioni precise, se giocheranno a 3 o a 4. Ma sappiamo che incontriamo una grandissima squadra piena di campioni, che in Italia è avanti a tutti. Non si vincono a caso sei scudetti consecutivi.”
Sempre in merito alla partita che la Lazio dovrà disputare contro la Juventus, l’allenatore della squadra laziale riferendosi ad entrambe le squadre che scenderanno in campo per sfidarsi, ha voluto fare la seguente considerazione: “Sono due squadre mature (in riferimento alla Juventus e alla Lazio), la Juve si difende bene anche dietro la palla, dobbiamo girarla in modo veloce. La Juventus schierata è difficile da scardinare. Dovremo cercare di essere intensi e determinati.”
Inzaghi, infine, ha voluto spendere delle belle parole di piena soddisfazione nei confronti dei giocatori della squadra da lui allenata, dichiarando: “Sono orgoglioso di allenare questa squadra e questi ragazzi. Sapevo cosa mi avrebbero dato già dall’anno scorso, sapevo che mi avrebbero seguito. Siamo cresciuti, abbiamo incontrato qualche difficoltà come con il Chievo, perdemmo una partita incredibile ed eravamo scivolati al quinto posto. Ma sono rimasto tranquillo, avevamo perso facendo 25 tiri in porta.”
Nel corso della conferenza stampa tenutasi in vista della finale di Coppa Italia, non solo l’allenatore della Lazio, ma anche il centrocampista della squadra laziale Lucas Biglia ha lasciato delle dichiarazioni in merito all’atmosfera che si respira in casa Lazio a poche ore dalla finalissima e a tale proposito, senza troppi giri di parole ha ammesso: “C’è un po’ di nervosismo, non è facile, giochiamo contro l’unica squadra (riferito alla Juventus) in corsa ancora su tre fronti (in riferimento alla Coppa Italia, alla Champions League ed allo Scudetto). Non sarà facile, ma dobbiamo credere in noi. Siamo arrabbiati anche noi dell’ultima partita, abbiamo voglia di conquistare il trofeo (riferito alla Coppa Italia).”
Biglia ha, inoltre, sottolineato​: “Servirà tutto, cuore, intelligenza e determinazione. Tante cose. Stiamo lavorando bene, dobbiamo essere sereni, abbiamo fatto un bel percorso, sarà una partita secca. Dobbiamo dare tutto quello che abbiamo dentro.”
Lo stesso centrocampista della Lazio, inoltre, in merito al come in campo la Lazio si giocherà la finale di Coppa Italia contro la Juventus, è sembrato avere le idee molto chiare, a tale riguardo, ha, infatti, detto: “L’approccio è importante, i primi minuti saranno fondamentali. Bisognerà essere corti.”
Biglia ha, inoltre, fatto la seguente considerazione: “Ognuno ha punti deboli da migliorare. La Juve è una squadra da seguire, una delle più forti d’Europa. Ha tanti campioni, gente che ha vinto. Noi (in riferimento alla sua squadra, la Lazio) stiamo lavorando sui nostri punti forti e deboli. Sulla carta non siamo favoriti, ma dobbiamo crederci.”
Il centrocampista della Lazio, infine, ha voluto fare una valutazione personale di come è stata la stagione calcistica per la sua squadra e a tale riguardo, ha fatto le seguenti considerazioni: “La stagione è iniziata storta, grazie al mister (riferito a Inzaghi) le cose sono andate a posto. La finale (di Coppa Italia) all’inizio era una cosa lontana. Ora conta il risultato della finale (di Coppa Italia), ci si ricorda sempre solo di chi vince. Veniamo da una sconfitta con la Fiorentina che ci ha fatto male, perché vogliamo tenere il quarto posto.”
Dalle dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa, dall’allenatore Simone Inzaghi e dal centrocampista Lucas Biglia, a pochi istanti dalla super attesa finalissima di Coppa Italia, è possibile intuire, con grande facilità, che la squadra laziale non deluderà di certo le aspettative dei suoi tifosi, in quanto è estremamente motivata a giocarsi in tutto e per tutto la finale contro i bianconeri e per questo motivo, la Lazio è intenzionata a dare sicuramente del filo da torcere alla Juventus in campo.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •