Verso Sassuolo-Fiorentina, il match visto da FirenzeViola.it

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Dopo la vittoria per 3-1 sul campo dell’ Empoli la scorsa settimana, questo weekend il Sassuolo torna in casa al Mapei Stadium per sfidare la Fiorentina di Paulo Sousa, in un match molto particolare sia in chiave futuro che in chiave giovani.
Per orientarci meglio, a meno di 48 ore dal fischio d’inizio, abbiamo chiesto al collega di firenzeviola.it Andrea Giannattasio, un parere sul momento della propria squadra e sulla preparazione al match contro il Sassuolo (fischio d’inizio ore 15.00).


Questa partita, per molti giornali, è considerata come la partita dell’ anno poiché potrebbe essere la partita che decide il futuro di Di Francesco. Secondo te, l’ attuale allenatore del Sassuolo, sarà sicuramente il nuovo allenatore dei gigliati al posto dell’ attuale Sousa o ci potrebbero essere colpi dell’ ultimo minuto da parte della dirigenza viola?
Credo che attualmente l’allenatore in pole position per sostituite Sousa l’anno prossimo sia Pioli. La Fiorentina ha incontrato più volte Di Francesco ma probabilmente la clausola rescissoria che lega il tecnico pescarese al Sassuolo potrebbe rappresentare un ostacolo duro da superare. Ecco perché Pioli resta il favorito numero uno per la panchina fiorentina, anche se sul nome di Eusebio Di Francesco è bene restare vigili per tutto il mese di giugno.

Nell’ ultima gara, avete perso 2-0 contro il Palermo. A tuo avviso, qual è stato l’aspetto che ha condizionato, a vostro sfavore, la gara? Forse le assenze?
No, credo che la differenza l’abbia fatta l’aspetto psicologico. La Fiorentina è scesa in campo convinta di portar via i tre punti molto facilmente ma è stata sorpresa dal palermo. Le responsabilità oltre a questo aspetto vanno riferite anche al tecnico, che per l’ennesima volta, ha operato delle scelte di formazione iniziale molto discutibili.

Ora ci proiettiamo alla gara di domenica: ci potranno essere novità di formazione rispetto alla gara contro il Palermo? Novità sui convocati?
La novità più importante riguarda il ritorno di Gonzalo Rodriguez, che è stato assente negli ultimi due turni per infortunio. Non ci sarà Astori in difesa, mentre in attacco tornerà Nikola Kalinic che prenderà il posto di Babacar. Per il resto sarà una formazione pressoché titolare.

Quale o quali dei giocatori della rosa neroverde temete maggiormente e ritenete un potenziale “sorvegliato speciale”?
Sicuramente il pericolo numero uno è Domenico Berardi ma personalmente ritengo che una delle armi più letali di questo Sassuolo sia Duncan, giocatore che sta seguendo da vicino anche la Fiorentina per la prossima stagione. In generale il Sassuolo ha un buonissimo reparto offensivo, in grado di mettere in difficoltà qualsiasi avversario.

Nel match dell’ andata, la gara finì 2-1 in favore della Fiorentina grazie alla doppietta di Kalinic. Quale sarà l’approccio alla gara da parte degli uomini di Sousa? Come pensi finirà la partita?
Credo che per puntare fino alla fine al sesto posto la Fiorentina abbia un solo risultato a disposizione, ovvero al vittoria. In questo momento il Sassuolo sta meglio dei viola sia da un punto di vista psicologico che da un punto di vista fisico. Sarà una partita molto incerta, naturalmente mi auguro che possa prevalere la squadra viola, che dovrà sfruttare i due giorni di ritiro disposti dalla società in Emilia Romagna.

  •   
  •  
  •  
  •