Inter, parla Spalletti: tutto su Icardi, Brozovic e co.

Pubblicato il autore: Severino Borriello Segui


Il neo tecnico nerazzurro, Luciano Spalletti, ha parlato in conferenza stampa ieri pomeriggio, prima dell’allenamento ed ha svelato un messaggio di in bocca al lupo ricevuto da Mourinho.  L’oramai ex allenatore della Roma ha fatto sapere di aver ricevuto delle promesse sul mercato. Ora si aspetta che siano mantenute.

Come ha trovato i giocatori: I ragazzi sono molto disponibili, ma non sono tranquillissimi, dobbiamo creare le condizioni tali da potergli permettere di tirar fuori il meglio, ovviamente ci vorrà anche il loro impegno”.

Quali sono le sue idee di calcio e che impressione le ha fatto il gruppo: Voglio una squadra che stia in campo nella maniera corretta, che tenta di andare a togliere lo spazio per le giocate degli avversari. Se comandiamo il gioco e abbiamo la palla si fa meno fatica. Oltre alla disponibilità ad ascoltare mi sembra ci sia una grande voglia di intravedere la strada giusta. Sono i giocatori stessi che mi chiedono di indicargli la strada. Dobbiamo essere il più professionali possibili. Sono convinto che ci sarà qualche giocatore che ribalterà quelle che sono le nostre convinzioni sulle sue qualità”.

Linee guida mercato ed obiettivi: L’obiettivo da raggiungere è senza dubbio quello di qualificarci per la prossima Champions League, anche perchè per allenare qui ho rinunciato a tale competizione ed adesso i ragazzi devono ridarmela. Bisogna trovare un giusto equilibrio sia di testa che di gioco, per farlo cercheremo di inserire giocatori mirati, che abbiano determinate caratteristiche e che siano complementari con le qualità già presenti nel nostro gruppo”.

Sulla possibilità di cambio ruoli:

E’ presto, ci vuole tempo per poter comprendere determinate dinamiche. Sicuramente abbiamo tanta varietà, calciatori che sanno coprire ampi spazi come Kondogbia e Gagliardini, ma che sono anche molto rapidi e potrebbe esser un peccato vederli solo come mediani”.

Quale errore non dovrà commettere l’Inter?

“Ecco, questo argomento trova risposta nel senso del <non te la do vinta>. Pretendo una squadra che non molli mai, che lotti fino all’ultimo secondo di ogni partita. Spesso, l’abbassare il livello del non te la do vinta, è costato caro alla squadra della passata stagione, e quest’anno voglio che ciò non accada”.

Su Brozovic:

Brozovic è un giocatore da recuperare? Dipende da quelle che sono le sue intenzioni. La qualità del giocatore non è in dubbio, è sotto gli occhi di tutti, forse è un pò incostante, ma è un calciatore completo, che sa fare tutto”.

Su Icardi:

” Mauro è un giocatore fantastico dentro l’area, tanta roba davvero. Qualsiasi allenatore vorrebbe avere un terminale offensivo con le sue qualità. Sono curioso di capire il contributo che può offrire anche in giro per il campo, vedremo”.

Su Borja Valero:

Borja Valero va inserito nel pacchetto degli altri giocatori di cui parlate spesso. Questa è una domanda trabocchetto. Stia attento -con riferimento al giornalista- i direttori sportivi, quelli bravi, fanno volantinaggio e lei trova esche da tutte le parti. Segua le cicche e vedrà che starà seguendo la strada giusta.”

Una conferenza molto ricca, che lascerà più di uno spunto per i tifosi, e non solo. Il mercato dell’Inter inizia ad entrare nel vivo, ed oltre Skriniar, e l’oramai quasi concluso Borja, ci sono tanti nomi che girano in quest’orbita. Vedremo la dirigenza quali colpi ha in serbo per soddisfare il neo tecnico e soprattutto per far tornare entusiasmo tra i tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •