Juventus, ecco la terza maglia per la stagione 2017/18 (FOTO)

Pubblicato il autore: Footy Football

Le squadre di calcio si sa, danno sfogo alla fantasia per quanto riguarda la terza maglia. Non è ancora ufficiale ma la Juventus ha optato per il verde militare come colore della terza maglia per la stagione 2017/2018  che andrà ad affiancare la classica maglia bianconera e quella da trasferta di colore giallo. Il verde militare non è nuovo nel panorama calcistico italiano. Aveva optato per questa scelta il Napoli un paio di stagioni fa con una maglia mimetica, assunta con il mero intento di far vedere attraverso una particolare casacca, la loro unione come squadra, facendo sprecare ai cronisti paragoni su quanto i giocatori fossero simili ad un battaglione dell’esercito una volta scesi in campo. Ovviamente la Juventus non utilizzerà moltissimo la terza maglia durante il corso della prossima stagione, ma in compenso darà l’idea ai tifosi della potenza della squadra di Torino nella Serie A 2017/2018: un bastione invincibile che potrà vincere tutto Champions League compresa.

La terza maglia della Juve 2017/2018  presenta tonalità e temi che personalmente apprezzo, facendomi tornare indietro nel tempo negli anni 60 del ‘900 quando un allenatore in Inghilterra con il nome di Bill Shankly decise di cambiare la maglia del Liverpool in una casacca completamente rossa perché così, a suo dire, non solo facevano paura dal punto di vista tecnico tattico, ma anche dal punto di vista visivo, innescando una reazione come nei tori. Quella fu una soluzione che per i razionalisti moderni, fu bigotta, ma che io continuo a sostenere, perché secondo me in fondo era un ragionamento con un pizzico di verità. La Juve nel calcio Italiano è sempre stata una innovatrice: prima squadra in Italia ad avere uno stadio di proprietà, prima società a vincere, grazie ad una accurata programmazione sei scudetti consecutivi e soprattutto è riuscita a raggiungere due finali di Champions League negli ultimi 3 anni.

Le terze maglie sono una scelta particolarmente recente in Italia. Esse sono state create col solo scopo di dare una ulteriore alternativa alla seconda maglia ritenuta più logica dando libero sfogo alla fantasia. Perciò non venendo usate moltissimo, diventano dal day 1 della loro presentazione merce adibite alla vendita, incuriosendo e stimolando i tifosi a non farsi sfuggire un design diverso dal solito. Le terze maglie nella storia del calcio hanno anche guadagnato la fama di maglie più brutte. La Juve però, ha deciso in un certo senso di andare controtendenza la bruttezza di alcune maglie, mantenendo uno stile sobrio ma innovativo.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: