Juventus, Mandzukic in bilico con Douglas Costa e Bernardeschi. Il croato accetterà la panchina?

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui

La sua spettacolare rovesciata rimarrà l’unico evento che valga la pena di ricordare nella notte bianconera di Cardiff, teatro della finale di Champions contro il Real Madrid.  Un gesto atletico degno dei migliori, una vera perla che non ha lasciato scampo all’estremo difensore delle MerenguesKeylor Navas.
Da quel sabato 3 giugno, la Juve è ripartita. Ha smaltito la (grossa) delusione e si è rimessa a lavorare e a pianificare una stagione che avrà di nuovo come obiettivo quello della conquista della tanto bramata Champions League.
In questo senso, Marotta e Paratici si sono mossi andando a rinforzare la squadra.
Manca soltanto l’ufficialità, infatti, per l’esterno del Bayern Monaco, Douglas Costa. Per lui, i bianconeri verseranno nelle casse dei bavaresi 6 milioni per il prestito, con l’obbligo di riscattato a 40. Il 26enne brasiliano è già a Torino, arrivato ieri in serata su un volo privato assieme al ds Marotta.
Chiuso questo affare, i campioni d’Italia sono, poi, pronti a sferrare l’offensiva finale per Federico Bernardeschi, con la Fiorentina che ormai si è convinta di non poter trattenere il suo numero 10. Anche qui, come per Costa, la valutazione è sui 40 milioni, cifra che è destinata a salire con eventuali bonus da concordare.

Con Douglas Costa e Bernardeschi e, in più, gli intoccabili Dybala e Higuain, Allegri dovrà a questo punto capire cosa fare con Mandzukic. Il tecnico livornese da sempre è un suo grandissimo estimatore, tanto da aver voluto cambiare modulo pur di poterlo impiegare al fianco della famosa coppia HD.
Con i due arrivi, però, le cose dovrebbero cambiare, con buona pace di Cuadrado e dello stesso Mandzukic.
Difficile, quindi, che il gigante croato accetti di restare a fare panchina, soprattutto in un anno importante come questo, che precede il mondiale. Lui, Mandzukic, in Russia vuole esserci e al top della forma.
Allegri, come già detto, farebbe carte false pur di tenerlo, ma se fosse lo stesso ex Bayern e Atlético a chiedere la cessione, allora dovrebbe lasciarlo andare. Per lui, neanche a dirlo, le offerte non mancano. Nelle ultime ore si è registrato un interesse pure del Milan, nel caso in cui i rossoneri non riuscissero a portare a Milano un altro croato, quel Nikola Kalinic che tanto vorrebbe seguire le orme dei suoi ex compagni Borja Valero e Bernardeschi e abbandonare Firenze.

Insomma, la situazione è tutta da valutare. Ad oggi, è difficile pensare che Mandzukic possa restare a Torino per fare da vice a Higuain. Più facile, ma per Allegri anche più doloroso, che le strade dei bianconeri e dell’attaccante croato si separino, magari per poi ritrovarsi il 26 maggio, a Kiev, per contendersi la Champions.

  •   
  •  
  •  
  •