Esclusiva, l’ex biancoceleste Cribari a SN: “Questa Lazio è più forte della scorsa stagione”

Pubblicato il autore: Daniele Martignetti

Emilson Cribari, sua moglie Thalita Campolesi, e figli

Emilson Sanchez Cribari, difensore brasiliano in forza alla Lazio dal 2000 al 2005 con ben centodiciannove presenze, raggiunto dai nostri microfoni, dice la sua sul club biancoceleste e il campionato che verrà con alcune chicche meramente tecniche su moduli, giocatori e calciomercato biancoceleste. Cribari, ai più noto per le abili marcature e il notevole stacco aereo, fu tra i fautori della celeberrima qualificazione in Champions League del club capitolino nell’annata 2006-2007 di cui è indelebile l’immagine del brasiliano costretto a giocare indossando una mascherina protettiva dopo un violento infortunio al setto nasale nel match contro la Dinamo Bucarest. Da annotare anche la Coppa Italia nel 2008-2009 coi biancocelesti e, ad agosto, la Supercoppa italiana contro l’Inter.

Emilson, cosa pensi di questa Lazio che, con apparente semplicità, ha travolto il Bayer Leverkusen per tre reti a uno?
La Lazio ha fatto benissimo a confermare Inzaghi dando così seguito al lavoro iniziato l’anno scorso. Le amichevoli, sebbene contino più che altro per ritrovare i ritmi partita e i meccanismi tattici, danno idea della forza del gruppo che, per me, è ancor migliore di quello della scorsa stagione.

De Vrij, Hoedt, Bastos, Wallace, i laterali Basta, Lukaku, Patric, Marusic e l’adattabile Radu: all’epoca della tua Lazio, preferivi la difesa a tre date anche le tue notevoli abilità di testa e nella marcatura; dovendo consigliare a mister Inzaghi su quale difesa puntare, per cosa e chi opteresti?
La difesa a tre deve esser allenate bene in ripetizione e deve avere giocatori adatti non solo nei tre centrali
ma anche dei due esterni, altrimenti si rischia di non avere sufficiente copertura andando così in difficoltà. Per me la Lazio di ora andrebbe bene con la difesa a quattro.

Capitolo Biglia. Quando un capitano lascia, porta con sé sempre strascichi di critiche. A prescindere dalla vicende di calciomercato, reputi che il tuo connazionale Lucas Leiva sia un buon rimpiazzo? Oppure, avendo doti più offensive dell’argentino, ritieni idoneo affiancargli un centrocampista di impostazione?
Lucas ha grande esperienza ma il calcio italiano è molto diverso da quello inglese, motivo per cui ci vorrà un po’ di pazienza per lasciarlo ambientare. Come caratteristiche, Leiva è molto più difensivo di Biglia e questo può esser anche un aspetto positivo laddove il mister riesca a trovare gli equilibri senza perdere la forza offensiva.

Simone Inzaghi sembrerebbe propenso ad adottare il 3-5-2 con Immobile e Anderson a completare il duo offensivo. Come preferisci Felipe? Da esterno, sfruttando tutta la sua velocità, o da punta più avanzata sì da esser più incisivo nella fase di realizzazione?
F.Anderson lo preferirei partendo dal esterno o comunque in una posizione che gli permetta di andare uno contro uno diventando devastante; quando deve ricevere palla di spalle agli avversari ha più difficoltà e a volte va anche giù di morale quandole cose iniziano a girar male in partita.

Keita Balde Diao, oggetto misterioso di mercato. Il Napoli avrebbe offerto 22 milioni ma la Lazio sembrerebbe intenzionata a trattare solo con la Juventus, anche per andare incontro alle preferenze del giovane senegalese. Qualora dovesse partire, pensi che il suo addio sarebbe difficilmente colmabile? Caicedo, per te, è un buon rimpiazzo? Sembrerebbe, ad oggi, non avere gli stessi numeri di Keita…
Un vero peccato perdere un giocatore di prospettive così importanti. per me, nei prossimi anni, diventerà tra i più forti d’Europa. Non conosco i motivi del suo eventuale addio ma dal punto di vista tecnico la Lazio perderebbe tanto. Caicedo? Potrebbe esser un bella sorpresa: sarà il tempo a dirlo..

Meno di un mese e riparte il campionato. La Juventus sembra esser ancora la favorita ma la società milanista sta facendo grandi investimenti sul mercato: dopo sei anni di assoluto dominio bianconero, pensi che la bilancia si stia spostando verso Milano? Quali, per te, le pretendenti al titolo?
Sì, le milanesi si stanno rinforzando ma dovrebbero ritrovare anche quella mentalità vincente di un tempo e per me la Juventus parte favorita al titolo per l’ennesimo anno consecutivo.

E la Lazio? Potrebbe lottare per un posizionamento in Champions? O la vedi, come mister Inzaghi sottolineò, abbastanza distante delle big del campionato?
La Lazio ha delle grandi qualità e se affronterà ogni match come una finale potrà, senza dubbio, diminuire il gap con le prime finendo, così, per competere per i primi tre posti. Io mi auguro che ciò avvenga perché il popolo biancoceleste merita di rivedere la propria Lazio in Champions.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: