Milan Biglia, tegola sull’argentino: lesione muscolare, stop di un mese

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui

Infortunio Biglia, si ferma l’argentino

Subito una tegola, e di quelle pesanti, sul Milan e su Lucas Biglia. Non inizia nel migliore dei modi il matrimonio Milan Biglia, l’argentino dovrà infatti restare ai box per circa quattro settimane. Fatali i primi allenamenti coi rossoneri che martedì scorso hanno visto l’ex capitano della Lazio fermarsi per un problema muscolare.

Guaio che, dopo gli esami strumentali del caso, è risultato più grave del previsto. Il 31enne argentino ha infatti accusato una lesione muscolare al bicipite femorale della coscia sinistra, “I tempi di recupero verranno valutati in base all’evoluzione del quadro clinico e si stimano in quattro settimane circa” recita il bollettino medico diffuso dalla società rossonera. Dopo aver saltato l’amichevole persa 2-1 contro il Real Betis, Biglia dovrà assistere da spettatore anche al preliminare di Europa League contro i macedoni dello Shkendija.

Arrivato al Milan come uno dei pezzi pregiati del mercato rossonero assieme all’ex Juventus Leonardo Bonucci, alla coppia ex Atalanta Conti-Kessie, all’ex Bayer Leverkusen Calhanoglu e all’ex Porto André Silva, l’inserimento di Lucas Biglia non è stato certo dei più semplici. Dopo la gaffe iniziale con la frase “Forza Lazio” ai tifosi milanisti che lo attendevano trepidanti, Biglia è stato anche al centro della vicenda-fidejussioni, poi risolta positivamente.

Ora un problema di campo non da poco per mister Vincenzo Montella. Se verranno infatti confermate le quattro settimane di stop, Milan Biglia salterà, oltre alla sfida andata-ritorno dei preliminari di Europa League, anche l’esordio in campionato a Crotone, la sfida col Cagliari e l’attesissima trasferta romana con la Lazio, sua ex squadra. E coi tanti nuovi innesti rossoneri, Montella ha bisogno di avere tutti gli effettivi a disposizione per amalgamare un gruppo che avrà proprio in Biglia il perno della manovra rossonera.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •