Fiorentina – Bologna, le parole di Pezzella, Biraghi e Palacio

Pubblicato il autore: Paolo Mugnai Segui


Al termine di Fiorentina – Bologna hanno parlato in zona mista due giocatori della Fiorentina: German Pezzella e Cristiano Biraghi.
Queste le parole dell’argentino a proposito di Passarella presente in tribuna: “Passarella è stato un calciatore molto importante in Argentina, fa sempre piacere parlare con lui”.  Sulla convocazione, la prima, nella Nazionale Argentina: “questa notizia è bella, sono contento di avere segnato, per il gol che ha dato la vittoria alla squadra, la mia concentrazione adesso è qui per il mister e per la squadra” Sulla partita contro la Juventus di Higuain e Dybala: “pensiamo giorno per giorno, partita dopo partita. La prossima è molto importante. Come squadra cercheremo di dare il massimo tutti uniti”.
Queste le parole di Biraghi: “Noi avevamo energia positiva anche quando non arrivavano i risultati perché sapevamo che eravamo una squadra forte nonostante gli errori commessi nelle prime partite e pagati a caro prezzo, però in queste partite siamo stati molto più cinici, abbiamo concretizzato di più. Passa il tempo, ci stiamo amalgamando sempre di più perché lavoriamo sempre di più insieme, abbiamo fatto un’ottima partita oggi con una vittoria fondamentale perché abbiamo vinto anche sapendo soffrire e non è poco. Abbiamo dimostrato che sappiamo vincere anche soffrendo come domenica scorsa avevamo dimostrato di sapere vincere dominando in lungo e largo, quindi siamo contenti, stiamo crescendo giorno dopo giorno, andiamo avanti, mercoledì c’è una partita da vincere”.
“Anche contro la Sampdoria la prestazione c’era stata” – prosegue Biraghi – “ma non avevamo avuto fortuna e abbiamo commesso qualche errore di troppo prendendo quindi quei due gol però la prestazione c’era, infatti noi eravamo tranquilli perché sapevamo che solo con il lavoro saremmo riusciti a sistemare le cose, adesso dobbiamo continuare a lavorare, trasmettere questa energia positiva in campo e fare risultato”.
Sulla partita contro la Juventus: “La Juventus sulla carta è più forte di noi, però noi siamo una squadra giovane che comunque arriva da due risultati positivi, siamo fiduciosi e trasmetteremo questa energia positiva sul campo, sicuramente non ci mancherà la voglia e la fame di fare risultato, poi si va in campo, si parte 0 a 0, undici contro undici, quindi non c’è niente di scontato”.
E Chiesa? “Chiesa è un giocatore forte, non sta a me dirlo, ha qualità importanti, è un ragazzo giovane che non va caricato di pressione perché è giusto che lavori tranquillo, coi piedi per terra, lavorando giorno per giorno e cercando di migliorare, poi il futuro, se continua così, viene da sé”.
Sui calci da fermo: “Sui calci piazzati ci alterniamo io e Veretout in base agli schemi”.
Infine Rodrigo Palacio: “Dobbiamo continuare ad avere questa voglia di fare bene” “Con l’Inter ritrovo tanti amici ma voglio vincere, fare una buona partita e fare risultato” “Cerco sempre di fare di tutto dentro il campo per aiutare la squadra a vincere, peccato che anche oggi non ci siamo riusciti ma farò di tutto come ho sempre fatto in ogni squadra dove ho giocato” “Meritavamo il pareggio, sono un po’ arrabbiato perché alla fine abbiamo perso un’altra volta ma la squadra ha giocato bene, loro sono forti, penso che il pareggio era giusto ma dobbiamo pensare ora a martedì, c’è una  partita molto più difficile e pensare di vincerla”.

potrebbe interessarti ancheBufera Napoli, Insigne, De Laurentiis e Ancelotti nell’occhio del ciclone


potrebbe interessarti ancheInter interessata a Danilo del Manchester City

notizie sul temaPellegrini sulla sfida di San Siro: “Importante entrare in Champions”Sconcerti: “La Juventus ha ridotto il calcio italiano ai minimi termini. Il ciclo di Allegri è finito?”Probabili Formazioni Serie A Giornata 33: Juve con Kean dal 1′, ballottaggio tra Icardi e Lautaro
  •   
  •  
  •  
  •