Juventus, quando il Var non elimina i pregiudizi; il web si scatena contro i bianconeri

Pubblicato il autore: Stefano Scibilia Segui

Durante il match di ieri sera tra Juventus e Fiorentina, vinto dai bianconeri per 1-0 con la rete di Mandzukic è stato fischiato un rigore a favore dei campioni d’Italia, che poi è stato annullato dal Var, poiché dalle telecamere il fallo di Badelj su Matuidi è avvenuto al limite dell’area e non all’interno.  Il gioco è proseguito con una  punizione dal limite in favore della squadra ma tanto è bastato per far sbizzarrire i tifosi, che sul web, si sono divertiti con le classiche frasi del tipoadesso con il Var la Juventus non può rubare più” o altre simili. Tutto ciò può essere sintetizzato nella classica “cultura del sospetto all’italiana, che in questo caso non può essere eliminata nemmeno dalla tecnologia.

Se l’aiuto del Var nel calcio di oggi è fondamentale, dall’altro lato il pregiudizio nei confronti dei bianconeri sembrerebbe non esaurisi. Questo nuovo sistema tecnologico sarà certamente velocizzato e migliorato negli anni, ma già da queste prime giornate ha assunto un ruolo fondamentale, in un calcio dove ormai contano sempre di più i centimetri e i dettagli. Tuttavia anche la possibilità di avere del materiale più dettagliato per poter prendere le migliori decisioni possibili non eliminerà mai quella cultura del sospetto nei confronti di alcune squadre da sempre al centro delle polemiche arbitrali. Senza il Var oggi tutti si starebbero lamentando del rigore che non c’era e sul web avremo visto tantissimi video riguardanti il “complotto della Juventus, ma adesso che tutto ciò può essere evitato, i tifosi devono comunque trovare il classico cavillo poiché, si sa, la Juve ormai ruba a prescindere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,