Milan Primavera, esordio “shock” per Gattuso: “Fatta una figuraccia”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Gattuso Milan

Milan Primavera, esordio da dimenticare per Gattuso

Non inizia nel migliore dei modi l’avventura di Gennaro Gattuso sulla panchina del Milan Primavera. La formazione rossonera, all’esordio in campionato, è stata travolta per 5 a 1 dal Sassuolo di mister Tufano. Una sconfitta netta quella subita dalla squadra di Gattuso che non può essere neppure giustificata dal fatto di aver giocato per 75 minuti in inferiorità numerica a causa dell’espulsione al sedicesimo del primo tempo di Bellanova.  Laconico il commento a fine gara del tecnico rossonero.
Ci si aspettava un inizio di campionato diverso per il Milan Primavera sotto la guida del neo allenatore Gattuso. I ragazzi rossoneri sono stati rimandati al termine di una prova deludente e sottotono che li ha visti finire strapazzati dal Sassuolo, meritatamente vincitore per 5 a 1.  E dire che il Milan era partito molto bene trovando dopo dieci minuti il gol del vantaggio con Forte e dimostrando di poter essere in una giornata più che positiva. La svolta del match è arrivata al sedicesimo del primo tempo quando Bellanova è stato espulso per un fallo su chiara occasione da gol. Da quel momento in poi è uscito fuori il Sassuolo che ha prima pareggiato, al 41esimo con Pierini, e poi ha dilagato nella ripresa con altri 4 gol messi a segno Kolaj, ancora Pierini, Ghione e Scamacca.
Per la formazione di Gattuso una prova incolore specialmente dopo essere rimasta in inferiorità numerica quando sono venute fuori le incertezze di una squadra che ancora dovrà lavorare molto per amalgamarsi al meglio. A fine gara è stato laconico il commento di Gattuso che ha ammesso di essere incappati nella classica partita da dimenticare in fretta anche perchè incombe il primo derby stagionale contro l’Inter.

Milan Primavera, le parole di Gattuso dopo la gara persa contro il Sassuolo

“Abbiamo fatto una figuraccia, ci mettiamo la faccia. Andrò negli spogliatoi e dirò che bisogna lavorare ancora di più. L’espulsione ha cambiato la partita. C’è rammarico, il risultato è bugiardo, ma sono uscite le pecche di questa squadra. Tante volte la linea di difesa non si è mossa in modo perfetto, quando dobbiamo scappare non scappiamo e viceversa… Ripeto, il risultato è bugiardo, ma commettiamo troppi errori a livello di squadra. L’Inter è una squadra nettamente più forte di noi, ma la prepariamo. Oggi la sconfitta brucia per come è arrivata. Bisogna fare molto di più”.

  •   
  •  
  •  
  •