Muntari, macchina sequestrata. L’ex Inter e Milan: “Momento difficile”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini


Muntari i
ndietro con le rate, Suv sequestrato. 33 anni, senza squadra e con la macchina sequestrata, non è certo un bel momento quello che sta vivendo Sulley Muntari.  Il giocatore è stato fermato al confine di Chiasso tra l’Italia e la Svizzera dalla Polizia Stradale che gli ha notificato il sequestro dell’auto su cui stava viaggiando, una Mercedes Amg G63 del valore di oltre 150mila euro. A inizio anno Muntari prese l’auto a noleggio da una ditta genovese ma è rimasto indietro con i pagamenti e così la ditta è stata costretta a far partire una denuncia. Dopo qualche tentativo di giustificazione è arrivata l’ammissione agli agenti: “È vero, sono indietro con le rate. Sto attraversando un momento di grosse difficoltà. Sistemerò tutto al più presto”, così si è difeso l’ex centrocampista di Inter e Milan al momento del sequestro della macchina. Muntari è molto conosciuto in Italia per aver vestito le maglie di Udinese, Milan, Inter e Pescara. Personaggio pittoresco, il ghanese è diventato famoso grazie al suo gol non convalidato durante un Milan-Juventus nel febbraio 2012 quando vestiva la maglia rossonera.

Nell’ultima stagione Muntari ha giocato per sei mesi nel Pescara, squadra che è retrocessa in serie B. Oggi il ghanese è in cerca di una squadra. Muntari in carriera ha anche giocato in Oriente con l’Al Ittihad guadagnando bei soldi. Evidentemente l’oculatezza non fa parte delle doti dell’ex Inter e Milan. Augurandogli di trovare presto una squadra, consiglieremmo a Muntari di fare più attenzione alle spese che effettua. Quando si dice che i soldi non fanno la felicità.

Muntari, dall’Udinese a quella sera di febbraio del 2012 contro la Juventus

Il campionato di serie A 2011/2012 non verrà ricordato per la vittoria del campionato della Juventus di Antonio Conte. Non verrà ricordato neanche per il fatto che i bianconeri vinsero lo scudetto senza perdere neanche una partita. Verrà invece ricordato per il “gol di Muntari“. E’ il 25 febbraio 2012, Milan e Juventus si affrontano a San Siro. Le due squadre sono ai primi due posti della classifica. Il Meazza è strapieno, la partita è di quelle da non perdere. I rossoneri vanno in vantaggio con un gol di Nocerino. Di lì a poco succede qualcosa di incredibile. Sugli sviluppi di un corner Muntari segna il gol del 2-0, ma Tagliavento non convalida. Tutti hanno chiara la sensazione che quello fosse gol. Infatti le immagini dimostrano che il pallone era abbondantemente entrato. Nel secondo tempo la Juve pareggia con Matri, ma il gol-non gol di Muntari farà epoca. Arrivati neanche 19enne in Italia il ghanese esplode nell‘Udinese che poi lo cede al Sunderland.

E’ Mourinho a riportarlo in Italia, all’Inter. Con i nerazzurri Muntari vince tutto, anche il Triplete del 2010. Ma il suo impiego si riduce sempre più fino a che nel gennaio 2012 Galliani lo porta al Milan. In rossonero ritrova Allegri, che lo aveva a Udine quando il tecnico livornese faceva il vice di Galeone. Muntari resta al Milan per per tre stagioni e mezzo. Dopo aver lasciato l’Italia va in Arabia all’Al Ittihad, dover resta un solo ano. Il resto è storia recente, Muntari oggi ha bisogno di una nuova squadra e anche di un passaggio.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: ,