Roma, malumore Dzeko: “Mi manca Salah, con questo modulo sono tutti più distanti”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
dzeko

Dzeko, nostalgia Salah

Roma, un pareggio e tanti interrogativi. Uno 0-0 che lascia molti dubbi in casa giallorossa. Il pareggio a reti bianche nell’esordio in Champions League contro l‘Atletico Madrid di Simeone deve far riflettere. Un match giocato discretamente nel primo tempo da De Rossi e compagni. Nella ripresa sono venuti fuori i Colchoneros che non hanno segnato solo per i miracoli di Alisson e qualche errore di mira sotto porta. Capito l’andazzo Di Francesco ha inserito Fazio al posto di Defrel, portando a casa un punto prezioso per la classifica nel girone. Oltre al portiere brasiliano è piaciuto la coppia centrale Manolas-Juan Jesus. Miracoloso il difensore greco, che ha compiuto uno strepitoso ad Alisson battuto. Il centrocampo a tre orchestrato da Di Francesco ha faticato molto di fronte all’aggressività degli uomini di Simeone. Nainggolan è uscito stremato dal campo dopo aver corso a perdifiato per tutto il campo. De Rossi e Strootman sono stati costretti più a coprire che a costruire, infatti la manovra offensiva ne ha risentito non poco.

Dzeko ha toccato pochissimi palloni, Defrel e Perotti si sono sdoppiati nel doppio compito ma si sono visti poco on attacco. Una Roma dunque che si interroga sul proprio futuro. Basterà l’inserimento di Schick per risare smalto all’attacco giallorosso? Indubbiamente il talento ceco può portare centimetri ed fantasia, ma certamente non potrà risolvere da solo i problemi offensivi della Roma. Due gol segnati in tre partite ufficiali non sono certo un bottino soddisfacente per una squadra che dovrebbe avere una chiara impronta offensiva. Chissà se Di Francesco sta meditando di cambiare il suo 4-3-3 già dal prossimo impegno di campionato contro il Verona. Lì si dovrà vedere un’altra Roma, il pubblico dell’Olimpico aspetta impaziente i gol della propria squadra.

Roma, i dubbi di Dzeko:”E’ dura senza Salah, Nainggolan è un più lontano…”

Nel dopo Roma-Atletico Madrid i volti in casa giallorossa non lasciavano certo trasparire soddisfazione. Soprattutto Edin Dzeko ha espresso perplessità sul nuovo atteggiamento voluto da Di Francesco:”Ci vuole pazienza. Purtroppo ho toccato pochi palloni, speriamo di migliorare in fretta”. L’attaccante bosniaco ha parlato anche dei compagni, passati e attuali:”Certo che manca Salah, è stato un giocatore importante per la Roma con i suoi gol e i suoi assist. Averlo vicino era un grande vantaggio per me, così come era buono avere vicino Nainggolan che ora gioca più lontano da me”. Un’osservazione che non lascerà indifferente Di Francesco, che deve cercare di far rendere al meglio il materiale a propria disposizione.

E’ probabile che con l’inserimento di Shick, la Roma cambi parzialmente pelle. I giallorossi infatti con il ceco in campo potrebbero passare ad un 4-3-1-2, con Nainggolan o Perotti alle spalle di Dzeko-Shick. E’ la posizione del belga a non convincere. Con Spalletti l’ex Cagliari era letale negli inserimenti a ridosso dell’area di rigore. Da mezzala il Ninja ha molto più campo da coprire e questo va discapito della sua efficacia negli ultimi 30 metri. Di Francesco avrà tanto da lavorare, ma questo lo si sapeva già. Il tempo per migliorare c’è, ma la pazienza del pubblico dell’Olimpico giallorosso non è infinita, anzi.

  •   
  •  
  •  
  •